Home Editoria Web e informazione. Facebook sotto accusa: due ore per disabilitare account killer...

Web e informazione. Facebook sotto accusa: due ore per disabilitare account killer Cleveland

130
0
CONDIVIDI
Come è stato possibile che il 37enne Steve Stephens abbia potuto uccidere un uomo in diretta su Facebook dopo che, pochi minuti prima, aveva annunciato la sua intenzione di compiere un omicidio a caso per ‘punire’ la donna che lo aveva lasciato?
E poi come ha potuto questo stesso killer pubblicare un terzo video in cui confessa l’omicidio (e altri 15)? Sotto accusa è Facebook e il suo sistema di sicurezza e controllo che ha dimostrato delle falle enormi. Per questo Justin Osofsky, vicepresidente di Global Operations and Media Partner di Facebook ha scritto un lungo post sul web in cui spiega che “a seguito di questi terribili eventi” il social network sta “rivedendo il meccanismo di segnalazione di video e altro materiale che viola i nostri standard il più facilmente e rapidamente possibile. In questo caso – spiega citando l’episodio di Stephens – non abbiamo ricevuto un rapporto sul primo video, mentre abbiamo ricevuto soltanto un rapporto sul secondo video più di un’ora e 45 minuti dopo che è stato pubblicato. Abbiamo ricevuto segnalazioni circa il terzo video contenente la confessione in diretta dell’uomo, solo dopo che era finita”. “Abbiamo disabilitato l’account del sospettato entro 23 minuti dalla ricezione della prima relazione sul video dell’omicidio e due ore dopo aver ricevuto un primo rapporto generico. Ma sappiamo che dobbiamo fare meglio”, aggiunge Osofsky. “Oltre a migliorare i nostri flussi di reporting, siamo costantemente cercando di fare in modo che le nuove tecnologie possano contribuire a rendere più sicuro Facebook – aggiunge -. L’intelligenza artificiale, per esempio, gioca un ruolo importante in questo lavoro, aiutandoci a evitare che il video venga ricondiviso nella sua interezza. (Le persone sono ancora in grado di condividere porzioni di video, al fine di condannarli o per sensibilizzare l’opinione pubblica, come molte agenzie di stampa stanno facendo nel riportare la storia online e in televisione). Stiamo anche lavorando per migliorare i nostri processi di analisi dei rapporti. Attualmente – spiega ancora – migliaia di persone in tutto il mondo sono impegnate a rivedere i milioni di post che vengono segnalati a noi ogni settimana in più di 40 lingue. Diamo priorità report con gravi implicazioni per la sicurezza per la nostra comunità, e stiamo lavorando per rendere quel processo di revisione andare ancora più veloce“, conclude. Dopo aver assicurato che “mantenere al sicuro la nostra comunità globale è una parte importante della nostra missione”, Osofsky analizza in dettalio la dinamica dei tre video postati dal killer di Cleveland. (AGI)
(Visited 1 times, 1 visits today)