Nielsen: galoppa Internet. 22,9 milioni di italiani connessi a settembre

ONLINE - Nielsen: galoppa Internet. 22,9 milioni di italiani connessi a settembre

Le elaborazioni Nielsen (dati Audiweb powered by Nielsen, AW View) rivelano un’apertura fortemente in positivo per la stagione autunnale di internet. Ben 22,9 milioni di italiani si sono connessi ad internet almeno una volta, da casa o da ufficio, durante il mese di settembre, 1,3 milioni di utenti in più rispetto ad agosto.

Radio digitale, Svizzera: autorizzato l’impiego delle trasmissioni numeriche in FM

Dall’inizio dell’anno prossimo, le radio locali elvetiche che diffondono in modalità analogica sulle onde ultracorte (FM) avranno la possibilità di trasmettere sulle stesse frequenze altri programmi anche in digitale. Il Consiglio federale ha concesso oggi il nulla osta alle modifiche d’ordinanza nel settore radiotelevisivo.

Ponti di collegamento DVB-T banda 5925-6425 – autorizzabilità

Consultmedia


Si

NEWSLINET.IT: Newsletter n. 526 del 04/11/2009

NewsLine logo newsletter topright
Un unico super switch-off per evitare la ripetizione degli errori piemontesi e per prendere tempo in Lombardia? Questa potrebbe essere la strategia allo studio nelle stanze dei bottoni romane.

Mentre continuano ad emergere gravissimi disagi per l’utenza televisiva piemontese per le gravi sottovalutazioni tecniche di Agcom e MSE-Com a riguardo dell’introduzione della tecnologia digitale senza una preventiva (…)

 
Il 16 novembre inizierà lo switch-off dell’area tecnica 12 (Lazio, esclusa Viterbo, con avvio dalla città di Roma) che si concluderà il 30 del mese, mentre dal giorno dopo toccherà alla numero 13 (Campania), il cui tavolo tecnico è stato convocato per il 10 novembre. E per entrambe non sarà una passeggiata. Anzi.

 
Dunque la notizia era fondata ma imprecisa. Il gruppo Telecom Italia ha fatto sì ricorso per la mancata assegnazione di 4 mux in Val d’Aosta (area tecnica 2), Piemonte occidentale (at 1) e Trentino Alto Adige (at 4), ma contro il MSE-Com e non l’Agcom.

Ad una settimana dalla conclusione dello switch-off in Trentino (è in corso ora la migrazione in Alto Adige) le cose pare non stiano come i proclami istituzionali dipingono.

Per la prima volta dall’inizio del doloroso 2009, la pubblicità radiofonica torna a crescere. Parliamo di percentuali vicino allo zero, ma a livello psicologico è pur sempre un segnale positivo.

Il gruppo editoriale Tribune Co., che possiede tra gli altri quotidiani come il Chicago Tribune, il Los Angeles Times, il Baltimore Sun e 23 emittenti televisive, ha deciso di tagliare in via sperimentale a partire dalla settimana prossima l’abbonamento all’Associated Press.

La notizia circola da una decina di giorni, da quando la Procura della Repubblica di Novara ha disposto ed eseguito la perquisizione di postazioni di lavoro ed abitazioni private – con contestuale sequestro delle memorie dei computer – a carico di alcuni giornalisti.

La Federazione Radio Televisioni ha pubblicato sul proprio notiziario settimanale una notizia a riguardo dell’epilogo di una non meglio definita "tv comunale" che sarebbe risultata illegittima alle verifiche della Corte dei Conti.

Il Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha approvato oggi, al termine di un’apposita consultazione pubblica, un nuovo provvedimento di blocco automatico delle chiamate verso le numerazioni più costose e critiche, per contrastare fenomeni di addebiti ingannevoli in bolletta per servizi non richiesti.

Ulteriori disposizioni in materia di blocco permanente di chiamata di cui all’allegato 1 della delibera n. 418/07/CONS

"L’Alta val d’Isarco chiude positivamente la quarta tappa tecnica del passaggio alla televisione digitale in provincia di Bolzano. Attorno ale 15.30 la RAS aveva completato la digitalizzazione con lo spegnimento definitivo del segnale analogico su tutti i 13 impianti gestiti".

La televisione è un mezzo di comunicazione di massa importante come strumento di diffusione della cultura e non è da sottovalutare la rilevanza giuridica del diritto di diffusione al pubblico delle opere dell’ingegno tutelate.

Prosegue il trend di riduzione delle perdite a livello di Ebitda di Telecom Italia Media, la società controllata da Telecom Italia attiva nel mercato del digitale terrestre.

Non c’è pace per la vicenda RAI-Sky. Del fatto che la concessionaria pubblica abbia buttato al vento la montagna di soldi che Murdoch offriva per mantenere i programmi free e pay (ma soprattutto i canali free 1, 2 e 3) sulla sua piattaforma abbiamo già detto.

Nel periodo gennaio-settembre il fatturato pubblicitario sulla stampa in generale è sceso del 23%. Lo comunica l’Osservatorio stampa Fcp.

La mediazione delle controversie civili e commerciali è il nuovo istituto giuridico proposto dal ministro della giustizia, Angelino Alfano, in attuazione di una delle deleghe date al governo per la riforma del processo civile.

Giorno e notte, 24 ore su 24, era possibile, comodamente e gratuitamente (e in maniera del tutto illegale), scaricare film di tutti i generi dai titoli più recenti ancora in visione nelle sale, fino ai grandi classici del passato, italiani e stranieri.

La comunicazione al pubblico di opere dell’ingegno tramite i televisori posti nelle camere di un albergo costituisce violazione del diritto esclusivo riservato agli autori, in mancanza di autorizzazione da parte della SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori).

L’associazione di consumatori  Adiconsum denuncia la non chiarezza sul mercato dei decoder e chiede l’intervento urgente dell’Agcom e dell’Antitrust. Intanto i cittadini continuano a non vedere la televisione.

Come rendere compatibile la proprietà intellettuale e il diritto alla privacy su Internet. Come trovare il giusto equilibrio tra sicurezza e videosorveglianza.

"Il popolare logo si evolve, non "rompe" con il passato ma lo interpreta in chiave più attuale. Un logo tridimensionale, che si anima e diventa il protagonista unico della scena.

On line il nuovo bollettino della Autorità garante per la concorrenza ed il mercato.

Murdoch ha il fiato sul collo del DTT. Al 31 dicembre 2009 il 62% delle famiglie italiane (36 milioni di individui) sarà in possesso di un ricevitore per la tv digitale terrestre.

Il passaggio alla nuova TV digitale in Alto Adige tocca domani (3 novembre) la quarta area, quella di Vipiteno e dell’Alta val d’Isarco.

Internet ha appena compiuto un passo enorme. Un passo che in qualche modo ne semplificherà e aumenterà la diffusione, risolvendo in modo trasversale anche alcuni dei limiti imposti dal digital divide.

Estratto da una circolare della struttura di competenze a più livelli Consultmedia (collegata a questo periodico) 
 

Avranno tempo ancora un mese i soggetti interessati a partecipare al “Bando per l’accesso al fondo per la creatività”.

Ieri è stato il terzo giorno di switch off in Alto Adige. Secondo la Provincia Autonoma di Bolzano, tutto ha avuto luogo "senza particolari problematiche: le emittenti sono passate al sistema digitale nell’area di Merano, Burgraviato e val Venosta".

”I giornalisti delle radio e delle televisioni locali e delle agenzie di informazione radiofonica sono mobilitati per il rinnovo del contratto di lavoro della categoria".

Consultazione pubblica concernente l’identificazione ed analisi del mercato della fornitura all’ingrosso di segmenti terminali di linee affittate (mercato n. 6 della raccomandazione n. 2007/879/CE) e del mercato della fornitura all’ingrosso di segmenti di linee affittate su circuiti interurbani (mercato n. 14 della raccomandazione n. 2003/311/CE)

 

Dopo Retecapri, anche Telecom Italia Media (operatore di rete che veicola, tra gli altri i contenuti di La 7 e MTV) contesta l’assegnazione delle frequenze per il digitale terrestre.

Nel primo semestre 2009 si è registrata una lieve ripresa per quanto riguarda la spesa nel settore dello spettacolo, secondo i dati dell’Osservatorio della Società Italiana Autori Editori.

Una Parigi tutta dedicata alla radio, in queste settimane. L’assemblea generale del World DMB Forum si sta svolgendo in queste ore, alla casa della Radio dall’altra parte della Senna rispetto alla spianata della torre Eiffel, non lontano dal Trocadero.

Le altre volte il pianto era stato più lungo. Ora invece è bastato uno zic di singhiozzo et voilà: pronti 30 milioni di euro. Così, per tre anni Pannella & C. potranno stare tranquilli, con 10 milioni all’anno in saccoccia (esclusi i fondi per l’editoria).

"La politica di gestione tracciata da Telecinco per far fronte alla difficile situazione dell’economia spagnola in generale, e del settore audiovisivo in particolare, ha permesso alla rete di chiudere in positivo i primi nove mesi del 2009, con un utile netto di 62,16 milioni di euro", comunica la controllante Mediaset.

Il bollettino odierna della Provincia Autonoma di Bolzano a riguardo della migrazione DTT recita: "L’Alta val Venosta chiude con un bilancio positivo la seconda giornata della televisione digitale in provincia di Bolzano, spegnendo definitivamente il segnale analogico".

Estratto da una circolare della struttura di competenze a più livelli Consultmedia (collegata a questo periodico)

In sostanziale coincidenza con l’accordo tra SIAE ed AFI che prevede la delega alla riscossione da parte del primo ente dei diritti connessi ai diritti d’autore degli iscritti al secondo, l’Antitrust interviene sulla spinosa questione delle spettanze dei discografici.

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente del consiglio, ha approvato uno schema di regolamento di semplificazione e riordino della disciplina e delle procedure di erogazione dei contributi in favore della stampa e delle imprese radiofoniche e televisive di informazione.

Il primo giorno di switch off in Alto Adige ha riguardato Bolzano, Laives, Oltradige e Bassa Atesina e la val Sarentino. Dalla mattinata tutte le emittenti hanno cessato di trasmettere in quest’area in modalità analogica.

 

L’UE spinge gli Stati membri alla migrazione digitale, da completare entro il 1° gennaio 2012, seguendo il percorso di  Finlandia, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi e Svezia, che,  insieme agli Stati Uniti, hanno dimostrato che lo switch-off, con regole chiare e contesti adatti, può avvenire in tempi rapidi.

È in corso dalle 10 di oggi il primo passaggio dalla vecchia TV analogica al nuovo sistema digitale. I tecnici delle varie emittenti pubbliche e private sono impegnati nella digitalizzazione della trentina di impianti che servono Bolzano, Bassa Atesina e Sarentino e nello spegnimento del segnale analogico.

Estratto da una circolare della struttura di competenze a più livelli Consultmedia (collegata a questo periodico)

Con sentenza n. 40408 del 16 ottobre 2009, la Corte di Cassazione penale, oltre ad affermare l’innocenza di una giornalista imputata di diffamazione, ha anche avuto modo di valorizzare il ruolo cruciale svolto dalla stampa nella società democratica al fine di informare il pubblico sul funzionamento del sistema pubblico.

 
Send Mail 2a1 - Altro che balle: i contributi per l'editoria diminuiranno. La strada è segnata e indietro non si torna

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL