Adiconsum: “No al bavaglio che il Decreto Romani vuole mettere alla comunicazione ed in particolare ad internet”

Adiconsum chiede che il Governo apra un tavolo con tutte le Associazioni dei Consumatori e con i player sia italiani che stranieri.

"Ancora una volta – dichiara Paolo Landi, Segretario generale Adiconsum – si tenta di mettere il bavaglio alla libera informazione, inventando decreti legislativi come il Decreto Romani, che tentano di stravolgere lo spirito e la lettera delle norme europee". "La stessa Agcom alla quale il Decreto conferisce ampi poteri – continua Pietro Giordano, Segretario nazionale Adiconsum – ha espresso forti dubbi sul testo proposto dal Governo. Non è possibile immaginare di introdurre un’apposita autorizzazione per la diffusione continua in diretta e su internet, come vuol fare il Decreto Romani, perché ciò significherebbe mettere il bavaglio alla rete ed alla democrazia, equiparandoci a certi paesi asiatici e contravvenendo alle norme europee, con la conseguente apertura di una procedura d’infrazione. Adiconsum ricorda al Governo che qualunque provvedimento che restringa l’accesso a Internet può essere imposto solo se ritenuto "appropriato, proporzionato e necessario nel contesto di una società democratica" e a condizione che, "nel rispetto del principio della presunzione d’innocenza e del diritto alla privacy", sia garantita "una procedura preliminare equa ed imparziale, compresi il diritto della persona o delle persone interessate di essere ascoltate" ed "il diritto ad un controllo giurisdizionale efficace e tempestivo". Pur ricordando come le Authority svolgano un buon lavoro, in molti casi – continua Giordano – non ci si può dimenticare che esse sono nominate dai Governi e/o dal potere politico, e che quindi il coinvolgimento diretto delle Organizzazioni dei Consumatori e dei players sia italiani che stranieri, soprattutto in temi così delicati, sono indispensabili. Adiconsum chiede che il Governo apra un tavolo con le associazioni dei consumatori e con i player italiani e stranieri non solo sulla direttiva europea, ma anche sul decreto Romani".

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Adiconsum: "No al bavaglio che il Decreto Romani vuole mettere alla comunicazione ed in particolare ad internet"

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL