Agcom: obblighi comunicazione entro 31/01 imprese richiedenti contributi ex L. 250/1990 e L. 388/2000

A seguito delle modifiche al Regolamento per la tenuta del Registro degli Operatori della Comunicazioni (allegato A alla delibera Agcom n. 666/08/CONS e s.m.i.) disposte dalla delibera n. 565/13/CONS, a partire dal contributo 2013, le imprese richiedenti i contributi in oggetto sono tenute ad effettuare la comunicazione annuale entro il 31 gennaio di ogni anno, con assetti riferiti all’anno precedente (cfr. articolo 11 comma 3 del Regolamento).

Tale comunicazione dovrà avvenire attraverso le funzioni esposte sul portale impresa.gov come previsto dall’art. 13 del Regolamento. Entro il medesimo termine del 31 gennaio, le medesime imprese dovranno effettuare la comunicazioni di eventuali situazioni di controllo e/o collegamento – o l’assenza delle stesse ‐ attraverso le funzioni sul portale impresa.gov nella sezione “Attestazione Richiesta Contributi”. Le imprese editrici di prodotti editoriali di proprietà di soggetti diversi in forza di contratti di affitto o altri negozi, dovranno comunicare ‐ entro il medesimo termine del 31 gennaio ‐lo sviluppo degli assetti proprietari dei soggetti proprietari delle testate edite attraverso le funzioni sul portale impresa.gov nella sezione “Attestazione Richiesta Contributi”. Di seguito, una sintesi degli adempimenti. Nell’ambito della comunicazione annuale, ai sensi delle disposizioni contenute nell’allegato B alla delibera 666/08/CONS, dette imprese, ove costituite in forma di società, producono una dichiarazione degli assetti, redatta secondo i modelli 5/1/ROC, 5/2/ROC, 5/3/ROC, 5/4/ROC, contenente le seguenti informazioni: a) l’indicazione del capitale sociale, dell’elenco dei propri soci e della titolarità delle rispettive partecipazioni con diritto di voto; b) l’indicazione del capitale sociale, dell’elenco dei soci e della titolarità delle rispettive partecipazioni con diritto di voto superiore al 2% delle società a cui sono intestate le azioni o le quote delle imprese richiedenti i contributi; c) l’indicazione del capitale sociale, dell’elenco dei soci e della titolarità delle rispettive partecipazioni con diritto di voto pari o superiore al 5% dei soci delle società di cui al punto b), nonché dei loro soci ad ogni livello della catena partecipativa, la cui partecipazione con diritto di voto sia pari o superiore al 5%, fino all’individuazione delle persone fisiche che partecipano indirettamente al capitale sociale delle imprese di cui al punto 1; d) nell’ambito degli sviluppi delle catene partecipative di cui alle lettere b) e c) sono, comunque, indicate le persone fisiche che direttamente o indirettamente detengono la partecipazione di controllo dei soci delle società di cui al punto b). Ove le testate edite siano di proprietà di terzi, gli editori richiedenti i contributi trasmettono, nell’ambito della comunicazione annuale, sulla base dei dati di loro diretta conoscenza, lo sviluppo degli assetti societari dei proprietari delle testate, mediante i modelli 5/1/ROC, 5/2/ROC, 5/3/ROC, 5/4/ROC, indicando il capitale sociale, l’elenco dei soci e la titolarità delle rispettive partecipazioni con diritto di voto pari o superiore al 5%, fino all’individuazione delle persone fisiche che partecipano direttamente o indirettamente al capitale sociale dei proprietari delle testate. Suddette imprese sviluppano, relativamente alle società quotate in borsa per le quali vi sia l’obbligo di comunicare le informazioni di cui ai punti precedenti, anche le partecipazioni con diritto di voto superiore al 2% del capitale sociale. Qualora la società quotata in borsa sia essa stessa l’impresa richiedente i contributi, indicherà, inoltre, per ciascuna partecipazione con diritto di voto superiore al 2% del capitale sociale – attraverso il modello 5/5/ROC – la rispettiva partecipazione di controllo. Le imprese richiedenti i contributi comunicano, inoltre, per ciascuna persona giuridica indicata nelle comunicazioni prodotte ai sensi dei punti precedenti, la composizione degli organi amministrativi trasmettendo il relativo modello 4/ROC. In presenza di intestazioni fiduciarie di azioni o quote delle persone giuridiche indicate nelle comunicazioni prodotte ai sensi dei punti precedenti, le imprese richiedenti i contributi comunicano, sulla base dei dati di loro diretta conoscenza, anche lo sviluppo degli assetti societari delle società fiduciarie secondo le medesime modalità previste per lo sviluppo degli assetti societari del rispettivo fiduciante. Le suddette imprese trasmettono, in via telematica, dichiarazioni, redatte secondo i modelli 12/1/ROC, 12/2/ROC e 12/3/ROC, con le quali comunicano le eventuali situazioni di controllo ai sensi dell’articolo 2359 c.c. in essere nel corso dell’anno di riferimento ovvero l’assenza delle stesse. Le stesse trasmettono, in via telematica, una dichiarazione redatta secondo il modello 12/4/ROC, con la quale comunicano le eventuali situazioni di collegamento ai sensi dell’articolo 2359 c.c., con altri soggetti iscritti al Registro degli operatori di comunicazione in qualità di editori di giornali quotidiani, periodici o riviste o di soggetti esercenti l’editoria elettronica in essere nel corso dell’anno di riferimento ovvero l’assenza delle stesse. (E.G. per NL)
 
printfriendly pdf button - Agcom: obblighi comunicazione entro 31/01 imprese richiedenti contributi ex L. 250/1990 e L. 388/2000
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Agcom: obblighi comunicazione entro 31/01 imprese richiedenti contributi ex L. 250/1990 e L. 388/2000

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL