Audiradio: grandi novità dalla lettura dei quarti d’ora delle radio nazionali

Claudio Astorri entra nel merito degli ultimi dati dell’indagine di ascolto di riferimento del mercato radiofonico italiano


dal sito www.astorri.it

di Claudio Astorri (foto)

Beh, non solo nel giorno medio ma, direi, soprattutto nei quarti d’ora la nuova AUDIRADIO ci ha regalato non poche sorprese con i dati appena pubblicati del 1° Bimestre 2007. Come di consueto pubblichiamo su questo sito, precisamente in questo articolo, quella che è la “vera” classifica d’ascolto che, internazionalmente ma soprattutto logicamente, deve essere fatta risalire alla SHARE del QUARTO D’ORA MEDIO e non al dato del giorno medio.

AUDIRADIO 2007 – 1° BIMESTRE

SHARE NEL QUARTO D’ORA MEDIO DELLE RADIO NAZIONALI

2006/1°S 2006/2°S 2007/1°B GM 2007 Diff/Pos

RAI RADIO 1 8,61 8,27 8,14 1=
RADIO DEEJAY 7,49 7,14 7,61 2 =
RAI RADIO 2 6,93 6,88 6,2 3 =
RADIO 105 NETWORK 5,53 5,21 5,9 6 +2
RTL 102.5 5,29 6,07 5,65 4 -1
RDS RADIO DIM SUONO 5,65 5,9 5,27 5 -1
RADIO ITALIA 3,18 3,22 3,57 7 =
RADIO MARIA 2,59 2,53 2,85 10 +2
RMC MONTECARLO 2,69 2,58 2,49 9 =
RAI RADIO 3 2,88 2,8 2,48 13 +3
RADIO 24 2,03 2,07 2,36 11 =
RADIO R 101 1,72 1,76 2,34 14 2
RADIO CAPITAL 2,76 2,65 2,3 12 -1
RADIO KISS KISS 1,4 1,86 2,12 8 -6
M2O 0,91 1,04 1,31 15 =
ISORADIO 1,07 1,16 1,06 16 =
RADIO RADICALE 0,49 0,53 0,51 17 =

Analizziamo ora gli andamenti, stazione per stazione, almeno delle prime 6 emittenti.

1) RAI RADIO 1

E’ la prima in classifica sia nel AQH (Quarto d’Ora Medio) che nel GM (Giorno Medio). Comunque perde rispetto a entrambi i semestri del 2006. Non è un segnale rassicurante, unito alla perdita nel giorno medio.

2) RADIO DEEJAY

Seconda sia nel AQH che nel GM, l’emittente si muove su valori del quarto d’ora migliori di entrambi i 2 semestri dell’anno scorso. Chi pensa ad un crollo della emittente di Linus, nonostante qualche fascia non propriamente eccellente nei risultati, deve aspettare ancora mooolto ma mooolto a lungo. E’ senza dubbio ancora oggi il punto di gran lunga più solido della offerta della radiofonia privata, con una caratterizzazione assolutamente unica nella conduzione.

3) RAI RADIO 2

E’ terza sia nel AQH che nel GM ma perde di valore assoluto nel quarto d’ora medio. Il crollo e l’assenza di “W RADIO 2” (dimezzati i quarti d’ora nella fascia di Fiorello) è stato pagato dall’emittente sia in termini di giorno medio che di quarti d’ora. Ci hanno pensato però, e ciò è più che importante, altre fasce dell’emittente a “tirare sù” gli ascolti: si segnalano buone crescite de “Il Ruggito del Coniglio”, “Il cammello di RADIO 2”, “Fabio e Fiamma”, “610” (il mio preferito, con Lillo & Greg) e “Caterpillar”. Si è trattato pertanto di una prova di maturità della stazione, assolutamente non semplice, non scontata e non deducibile dal dato del solo giorno medio. Complimenti. Meno Fiorello ma Più Stazione. Forse così è un po’ tutto più sicuro e comunque meno vulnerabile, in attesa comunque dei prossimi grandi riscontri del duo “Baldini e Fiorello”.

4) RADIO 105 NETWORK

Performance più che ottima della emittente diretta da Angelo De Robertis. Sesta nel GM è addirittura quarta nel AQH scavalcando sia RTL 102.5 che RDS, emittenti che la precedono di circa un milione di ascoltatori nel giorno medio. Ci piace segnalare che l’incremento ha riscontri nella fascia di Marco Galli (“Tutto Esaurito”), un po’ anche dalle 10 alle 13 ma appare nettamente migliorata la “preparazione” allo ZOO di 105 tra le 13 e le 14. A proposito di Marco Mazzoli è da segnalare una bella crescita del suo programma con quarti d’ora oltre le 800.000 unità. Peccato per tutto quanto avviene dopo le 16; immagino gli sforzi siano ora da orientare proprio nel secondo pomeriggio e nella sera. Da seguire con massima attenzione. Con un po’ di frequenze in più, poi…

5) RTL 102.5

Nel AQH perde un posto in classifica rispetto al GM a beneficio di RADIO 105. Nella share dei quarti d’ora rimane all’interno della forbice dei valori dei 2 semestri dell’anno precedente. Ciò non è negativo. L’entusiasmo dell’autunno 2006 rischia però di essere un fuoco di paglia; il grandissimo incremento di copertura del segnale non sembra essere stato ancora “monetizzato” strutturalmente in AQH, certamente nemmeno in GM, almeno in questa fase.

6) RDS

Paga un conto alquanto salato l’unica radio nazionale che origina dalla Capitale. Meno giorno medio in valore assoluto, meno una posizione nel giorno medio e quarti d’ora in flessione con perdita di due posizioni. La flessione importante (1 punto di share) è dalle 9 alle 14 dei giorni feriali e anche la sera dopo le 22:00. In realtà il problema, se di problema si può parlare, è nella strategia editoriale, scaduta di piena validità nel tempo. Buon lavoro.

printfriendly pdf button - Audiradio: grandi novità dalla lettura dei quarti d'ora delle radio nazionali