Autorità a confronto: Agcom nella bufera, Antitrust contro Telecom

Mentre l’Agcom si dibatte tra il nuovo piano di assegnazione delle frequenze e le dimissioni del consigliere Innocenzi, quella garante del mercato avvia un’istruttoria sul maggiore operatore TLC italiano, accusato di pratiche anticoncorrenziali.

Il panorama delle Autorità indipendenti italiane è animato in questi ultimi giorni da eventi e provvedimenti significativi, che possono anche essere letti come sintomatici del grado di reale autonomia di questi organismi rispetto al potere politico. Già la vicenda delle intercettazioni telefoniche, in cui il consigliere Giancarlo Innocenzi subiva le sfuriate del Presidente del consiglio sul "caso Santoro", aveva inferto un duro colpo all’immagine di indipendenza dell’Autorità di Corrado Calabrò. Ora giungono le dimissioni subito accettate dello stesso consigliere, segno che il clima non deve essere particolarmente sereno. Tanto più in un momento in cui la stessa Agcom esprime il nuovo Piano di assegnazione delle frequenze per la tv digitale, già oggetto di contestazioni (ancora prima di essere ufficiale…) sia da parte delle emittenti locali che degli operatori telefonici, tutti convinti che il Piano vada nella consueta direzione favorevole agli attori dominanti, sottraendo preziose risorse frequenziali sia alle "piccole" radio-tv territoriali che alle nuove frontiere della larga banda. Antitrust invece, con una mezza "invasione di campo" nei confronti di Agcom, apre un’istruttoria su Telecom Italia per abuso di posizione dominante. La segnalazione è partita da Wind e Fastweb, che denunciano l’ostruzionismo di TI nei confronti dei clienti che vogliono passare ad altro operatore, nonchè l’adozione di prezzi anticompetitivi nelle aree soggette ad umbundling (ovvero dove è presente anche la rete di un concorrente), soprattutto nelle offerte rivolte a grandi aziende o alla pubblica amministrazione. Le accuse a Telecom sono pesanti: Wind si spinge a dichiarare che "TI utilizza strategicamente il processo di fornitura di servizi wholesale come strumento per ostacolare l’accesso al mercato da parte dei concorrenti". Naturalmente Telecom si dice assolutamente serena e pronta a collaborare, sicura dell’infondatezza delle lamentele. Ma l’Autorità guidata da Antonio Catricalà sembra essere intenzionata ad approfondire la questione. L’indagine si chiuderà nel giugno 2011. (E.D. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Autorità a confronto: Agcom nella bufera, Antitrust contro Telecom

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL