Cina vs. Google, Pechino blocca l’accesso alla ricerca su Dalai Lama

Le autorita’ di Pechino hanno bloccato tutte le ricerche di Google collegate a temi sensibili come i dissidenti e il Dalai Lama, il leader tibetano in esilio.

Le ricerche in cinese su Google.hk, il server di Hong Kong dove la societa’ di Mountain View ha trasferito le operazioni per sfuggire alla censura, rimangono inesorabilmente bloccate se si scrive la parola ‘Dalai’, se si cercano notizie su dissidenti come Liu Xiaobo e sulla setta religiosa Falun Gong o si vuole consultare il sito di Amnesty International. Inaccessibili anche tutti i siti che riportano la famosa foto dello studente che ferma un tank a piazza Tienanmen. Intanto gli Stati Uniti hanno affermato di non aver svolto nessun ruolo nel trasferimento a Hong Kong dei server in cinese di Google, ma hanno avvertito Pechino a valutare seriamente il suo significato. "E’ stata una decisione presa da Google – ha affermato il portavoce del dipartimento di Stato P. J. Crowley – ma Pechino dovrebbe seriamente considerare le implicazioni se una delle istituzioni piu’ riconoscibili del mondo decide che e’ troppo difficile fare affari in Cina". Ricordando che Washington sostiene la liberta’ su Internet, Crowley ha sottolineato che "le singole societa’ giudicheranno sull’opportunita’ d’investire in Cina". (Adnkronos)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Cina vs. Google, Pechino blocca l'accesso alla ricerca su Dalai Lama

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL