Continua il lavoro del Centro Italiano per la Sicurezza in Internet, per promuovere l’utilizzo sicuro e responsabile dei nuovi media tra i minori

Il 18 giugno, presso la sede dell’ISCOM – Istituto Superiore delle Comunicazioni e delle Tecnologie dell’Informazione – del Ministero dello Sviluppo Economico, si è tenuto l’incontro del Comitato Consultivo afferente al Centro Italiano per la Sicurezza in Internet.

Il Comitato è coordinato in Italia da Save the Children in collaborazione con Adiconsum, e si avvale del co-finanziamento della Commissione europea nell’ambito del programma Safer Internet, il principale piano di intervento della Commissione Europea in materia di Nuovi Media e tutela dei minori. Il Centro Italiano per la Sicurezza in Internet si propone di promuovere un utilizzo sicuro e responsabile dei nuovi media tra i più giovani, contrastando la diffusione di pratiche illecite on line (in particolare la pedopornografia) a danno dei minori stessi.  E’ in fase di finalizzazione l’adesione del Ministero per lo Sviluppo Economico –  Dipartimento Comunicazioni al Comitato stesso. Dalla sua costituzione – dapprima come singolo progetto, nel 2001, in seguito allargatosi a diversi progetti su temi specifici, sempre afferenti l’ambito dei nuovi media, fino ad assumere, nel 2007, la forma di un programma unico – il Centro ha avuto modo di crescere e ampliare i suoi campi d’azione, anche grazie al sostegno ottenuto da numerose parti e alle sinergie attivate con i membri del Comitato Consultivo. Il Comitato rappresenta un tavolo di lavoro aperto che riunisce, attraverso un approccio multistakeholder, tutti quegli attori – istituzioni, associazioni, enti locali, industria, media, università – che, a vario titolo e con diverse expertise, hanno a cuore e perseguono la sicurezza della Rete per l’infanzia e l’adolescenza e si avvale di un Tavolo Promotore il cui compito è di facilitare e stimolare i lavori del Comitato stesso. Al Tavolo Promotore partecipano, oltre Save the Children e Adiconsum, il Centro nazionale per il contrasto della pedopornografia sulla rete Internet, istituito presso la Polizia Postale e delle Comunicazioni – Ministero dell’Interno, Telecom Itala e l’Osservatorio per il contrasto della pedofilia e della pornografia minorile, istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità. La riunione plenaria del 18 giugno ha consentito di illustrare brevemente i risultati finora raggiunti, con l’obiettivo di creare le condizioni per l’individuazione e l’attuazione di strategie condivise, di lungo termine, negli ambiti rilevanti per la tutela dei minori nell’utilizzo dei nuovi media come ad esempio l’educazione, la sensibilizzazione e la policy. La riunione ha visto la presenza di rappresentanti delle Istituzioni, i già citati Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento per le Comunicazioni l’Osservatorio per il contrasto della pedofilia e della pornografia minorile presso il Dipartimento per le Pari Opportunità, il Centro per il Contrasto delle pedopornografia in Internet presso la Polizia Postale e delle Comunicazioni assieme al Comitato Media e Minori, includendo anche rappresentanti di Istituzioni locali come il Comune di Lissone e la Provincia di Trento, di aziende del settore delle telecomunicazioni e dell’informatica – Vodafone Italia, Telecom Italia, Wind, Google Italia, Microsoft, Skuola.net, Fastweb e l’Associazione Editori Software Videoludico Italiana – AESVI-, di Università e Centri di Ricerca: ilCentro di Ricerca per l’Educazione ai Media all’informazione e alla tecnologia – CREMIT, il Centro di ricerca sui Media e la comunicazione – OSSCOM, l’Osservatorio Media Monitor dell’Università La Sapienza – di Organizzazioni e Fondazioni attive sulle tematiche trattate: il Coordinamento Genitori Democratici – CGD, il Coordinamento Italiano dei Centri Contro il maltrattamento e L’abuso – CISMAI, l’Associazione Media educazione comunità, l’Associazione Italiana per l`educazione ai media e alla comunicazione – MED, la Fondazione Mondo Digitale, la Fondazione Mondo Bambino, la Società Italiana di Pediatria ed i responsabili della rivista Un pediatra per Amico, EDITEAM – gruppo editoriale in editoria medico scientifica, e la RAI – RAI Tre Bambini. La prossima riunione del Comitato è prevista per novembre 2010.
 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Continua il lavoro del Centro Italiano per la Sicurezza in Internet, per promuovere l’utilizzo sicuro e responsabile dei nuovi media tra i minori

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL