Digitale terrestre, ordinamento canali (funzione LCN): ecco la proposta dell’Associazione Tv Digitali Indipendenti

L’Associazione TV Digitali Indipendenti, cui fanno riferimento 12 editori nazionali e internazionali ci ha trasmesso copia della proposta di regolamentazione LCN depositata ad Agcom il 25/01/2010.

ATDI, che comprende produttori e aggregatori di contenuti, indipendenti da operatori di rete di comunicazioni elettroniche e da piattaforme trasmissive analogiche e digitali, associa 12 editori nazionali e internazionali, per un totale di oltre 50 canali diffusi all’interno della piattaforma satellitare, in tecnologia digitale terrestre, IPTV, mobile e analogico. Di seguito riportiamo la proposta di ATDI depositata ad Agcom il 25/01/2010 nell’ambito dell’istruttoria sulla regolamentazione dei logical channel number. "Con riferimento alla delibera 647/09/CONS, con cui l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha dato avvio all’istruttoria in merito all’accordo sull’ordinamento automatico dei canali della tv digitale terrestre notificato dell’Associazione per il digitale terrestre DGTVi, A.T.D.I. ritiene utile sottoporre all’attenzione del regolatore uno schema di ordinamento dei canali che, muovendo dall’impianto della proposta di autoregolamentazione di DGTVi, introduce dei correttivi volti a dare risposta alle esigenze di seguito evidenziate. Tale schema, nel pieno rispetto dei principi stabiliti dalla Delibera 109/97/CONS ed ispirato dalla finalità di favorire reali condizioni di concorrenza: consente una più agevole fruizione da parte degli utenti mediante l’adozione del criterio tematico; prevede una ripartizione degli spazi che persegue l’obiettivo di tutelare i soggetti nuovi entranti, salvaguardando altresì le posizioni “storicamente” detenute dai soggetti incumbent; tutela gli operatori locali, attribuendo ad essi posizioni adeguate a soddisfarne le pretese e affidandone l’ordinamento all’interno del blocco di numerazione 10-99 ai criteri definiti dalle Associazioni rappresentative del settore; favorisce l’equilibrio tra editori televisivi indipendenti da un lato ed editori televisivi collegati ad operatori di rete dall’altro; salvaguarda le abitudini dell’utente, agevolato, grazie alla numerazione a 2 cifre, nella ricerca (i) dei canali generalisti “classici” già trasmessi in tecnica analogica e (ii) dei canali locali; consente una più agevole fruizione da parte degli utenti prevedendo una sistemazione, dalla posizione n. 100 in poi, basata sul criterio della tematicità (ferma restando la facoltà dell’utente di predisporre un proprio ordinamento o di modificarlo in qualsiasi momento lo desideri, facilita la ricerca dei canali); sostiene gli sviluppi e le novità editoriali che caratterizzeranno l’attuazione progressiva dello switch-off, offrendo una collocazione adeguata ai canali che saranno lanciati nei prossimi anni.
ATDI - Digitale terrestre, ordinamento canali (funzione LCN): ecco la proposta dell'Associazione Tv Digitali Indipendenti
RAPPRESENTAZIONE DELLO SCHEMA – BLOCCO DESCRIZIONE DEI CANALI
 
Blocco da 1 a 99 Canali nazionali FREE già trasmessi in tecnica analogica e canali locali FREE
Fascia da 1 a 9 Canali nazionali FREE già trasmessi in tecnica analogica (es.: Rai1, Rai2, Rai3, Retequattro, Canale5, Italia1, La7, MTV, DeeJay TV)
Fascia da 10 a 99 Canali locali, ex-syndication e altri nazionali FREE già trasmessi in tecnica analogica (es.: Sat2000, ReteCapri, Canale Italia, Odeon, etc.)
Blocco da 100 a 199 Canali nazionali FREE non provenienti dalla piattaforma analogica
100 Canale Vetrina
Fascia da 101 a 119 INTRATTENIMENTO FREE (es.: Cielo, Iris, Rai Premium, Rai Extra, etc.)
Fascia da 120 a 129 BAMBINI FREE (es.: Boing, K2, Rai yoyo, Rai gulp, etc.)
Fascia da 130 a 139 SPORT FREE (es.: Nuvolari, Sportitalia, Sportitalia 24, Raisport più, etc.)
Fascia da 140 a 149 DOCUMENTARI FREE (es. Rai Storia, Rai Scuola, etc)
Fascia da 150 a 159 CINEMA FREE (es.: Rai cinema, etc.)
Fascia da 160 a 169 MUSICA FREE (es.: MTV music, etc.)
Fascia da 170 a 189 NEWS FREE (es.: Rainews24, RepubblicaTV, etc.)
Fascia da 190 a 199 HOMESHOPPING FREE (es.: Mediashopping, QVC, etc.)
Blocco da 200 a 299 Altri canali nazionali FREE, canali time-shifted e canali in lingua straniera (stesso schema del blocco 100-199)
Blocco da 300 a 499 Canali PAY
Fascia da 300 a 399 Mediaset Premium
Fascia da 400 a 499 Altri canali Pay (es.: Dahlia Tv, etc.)
Blocco da 500 a 599 Canali HD che costituiscano ritrasmissione in symulcast di canali SD
Blocco da 600 in poi Altri canali locali FREE
 
NOTE METODOLOGICHE
 
LCN%20ricerca%20canali - Digitale terrestre, ordinamento canali (funzione LCN): ecco la proposta dell'Associazione Tv Digitali IndipendentiL’attribuzione dei canali ai diversi blocchi di numerazione ed alle fasce tematiche in cui si articolano i blocchi 100-199 e 200-299 sarebbe effettuata dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. Il blocco 200-299 sarebbe organizzato in base al criterio tematico, riproducendo lo stesso schema del blocco 100-199 (es.: 200 Canale vetrina, 201-219 INTRATTENIMENTO FREE, 230-239 BAMBINI FREE e così via). Il blocco 200-299 ospiterebbe: i canali che replicano in differita il palinsesto di canali nazionali già presenti nella fascia 1-9 e nel blocco 100-199 (c.d. canali time-shifted: canali +1, +2, +3, etc.); i canali in lingua straniera (ad es. BBC); altri canali nazionali FREE che non abbiano trovato collocazione nel blocco 100-199 a causa dell’esaurimento delle posizioni disponibili. I canali time-shifted e i canali in lingua straniera sarebbero in ogni caso collocati nel blocco 200-299 indipendentemente dalla disponibilità di posizioni nel blocco 100-199. Qualora una delle fasce tematiche del blocco 100-199 si esaurisse (qualora cioè i canali tematici assegnati ad una determinata fascia saturassero le posizioni disponibili), i canali ulteriori sarebbero collocati anche nella corrispondente fascia tematica del blocco 200-299. I canali collegati a operatori di rete non dovrebbero occupare in nessun caso più del 50% delle posizioni disponibili in ciascuna fascia tematica del blocco 100-199. Così, ad esempio, qualora 5 delle 10 posizioni disponibili nella fascia 120-129 fossero occupate da canali editi da soggetti collegati ad operatori di rete ed uno di tali soggetti lanciasse un sesto canale per bambini, tale canale sarebbe collocato nella fascia 220-229, anche nell’ipotesi in cui alcune delle posizioni della fascia 120-129 risultassero ancora libere. In tal modo, si impedirebbe un’occupazione capillare delle posizioni del blocco 100-199 da parte degli incumbents, in quanto almeno il 50% delle posizioni di tale blocco verrebbe utilizzato da canali indipendenti o lasciato libero per i canali che saranno lanciati in futuro dai new entrants (anche in vista dell’assegnazione del c.d. dividendo digitale, la cui capacità di incrementare la concorrenza ed il pluralismo nel settore televisivo dipenderà anche dalle posizioni della LCN che saranno disponibili ai nuovi canali). In sede di prima applicazione, le posizioni specifiche occupate nell’ambito della fascia di riferimento sarebbero scelte dagli editori televisivi; l’ordine di scelta sarebbe determinato mediante sorteggio (quindi l’editore del canale sorteggiato per primo sceglierebbe la posizione – non necessariamente la prima – da occupare nella fascia di pertinenza). I canali indipendenti sarebbero sorteggiati per primi, poi si procederebbe al sorteggio tra i canali collegati a operatori di rete, che potrebbero pertanto scegliere tra le posizioni lasciate libere dai canali indipendenti. L’assegnazione delle posizioni tra i canali lanciati successivamente dovrebbe avvenire secondo il criterio di priorità temporale (“first come, first served”). Nel blocco 500-599 sarebbero collocati i canali trasmessi in alta definizione (canali HD) che rappresentino la ritrasmissione in symulcast di canali già trasmessi in definizione standard (canali SD). I canali HD che presentino un palinsesto originale troverebbero invece collocazione nell’ambito del blocco 100-199, nella fascia tematica pertinente. Nell’ultimo blocco sarebbero ospitati i canali locali FREE che non abbiano trovato collocazione nella fascia 10-99 a causa dell’esaurimento delle posizioni disponibili".LCN%20immagine%20decoder - Digitale terrestre, ordinamento canali (funzione LCN): ecco la proposta dell'Associazione Tv Digitali Indipendenti
Ad oggi risultano iscritti ad ATDI: AXN Italia Srl (AXN) – PAY SAT; Digicast Spa (Jimmy, Lei, Yacht&Sail, Caccia e Pesca, Pesca e Caccia) – PAY SAT; Discovery Communication Europe Ltd (Discovery Channel HD, Discovery Channel, Discovery+1, Discovery Science, Discovery Civilization, Animal Planet, Discovery Real Time, Travel and Living) – PAY SAT; Eurosport Spa (Eurosport HD, Eurosport, Eurosport 2, Eurosportnews) – PAY SAT; Giglio Group Spa (Music Box, Live!) – PAY SAT; Interactive Spa (Sportitalia, Sportitalia 24) – PAY SAT/FREE DTT; NBC Universal Global Networks Italia Srl (Studio Universal, Hallmark Channel, Steel, Steel+1) – PAY SAT/PAY DTT/PAY IPTV; Sitcom Televisioni Srl (Alice, Leonardo, Marcopolo, Nuvolari) – PAY SAT/FREE SAT/FREE DTT; Switchover Media Srl (Gxt, Gxt+1, K2) – PAY SAT/FREE DTT/ANALOGICO; The Walt Disney Company Italia Spa (Disney Channel, Disney Channel +1, ToonDisney, ToonDisney+1, Playhouse Disney, Playhouse Disney + 1, Disney in English, Disney XD, Disney XD +1) – PAY SAT/PAY DTT; Turner Broadcasting System Italia Srl (Cartoon Network, Cartoon Network+1, Boomerang, Boomerang+1) – PAY SAT/PAY DTT/FREE DTT; Viacom Networks Italia Ltd (Nick Jr, Nickelodeon, Nickelodeon + 1, Comedy Central, Comedy Central + 1) – PAY SAT. (E.D. per NL)
printfriendly pdf button - Digitale terrestre, ordinamento canali (funzione LCN): ecco la proposta dell'Associazione Tv Digitali Indipendenti
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Digitale terrestre, ordinamento canali (funzione LCN): ecco la proposta dell'Associazione Tv Digitali Indipendenti

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL