Facebook: continua la crescita degli utenti. Ma anche dei dubbi sugli effetti diretti ed indiretti della presenza sul social network più famoso

Anno d’oro questo 2010 che si sta chiudendo per Facebook: il suo fondatore Mark Zuckerberger è stato eletto “uomo dell’anno” dal Time.

Ma soprattutto sono i numeri da capogiro che decretano il successo di questo social network : 500 milioni di iscritti, di cui 16 milioni sono in Italia; milioni di persone che aggiornano il proprio status quotidianamente, ecc. ecc. Eppure, paradossalmente, secondo alcuni c’è pericolo di crisi, di fuga di utenti. Facebook è diventato il “passatempo” preferito da molti, anche durante le ore di ufficio; ed ecco che le aziende corrono ai ripari installando programmi che lo oscurino. C’è già chi parla di dipendenza ( come è stato, e tuttora è, anche per il cellulare … Beati i tempi quando Fantozzi era solo videodipendente …). Si dice che Facebook sia disumano, che banalizzi il concetto di “amicizia”. Sarà. Ma le aziende, e questa è una notizia controcorrente rispetto a quanto detto, fanno sempre più uso di social network come Facebook. Per scoprire i “lati oscuri” del candidato ad un colloquio di lavoro, quei dati che un curriculum neutro non può rivelarti. Una puntatina sul profilo del prossimo impiegato da assumere farà scoprire a chi è addetto alla selezione del personale, gusti, tendenze, scelte politiche e sessuali, religiose e sportive del candidato Una vera “soffiata”, quindi. E addio alla privacy. Questo fa nascere, d’altro canto, anche una maggiore consapevolezza, un’attenzione nuova da parte degli utenti nella scelta di ciò che si vuole rendere di pubblico dominio. Insomma : si può essere schiavi di internet, vittime del pc, ma anche protagonisti consapevoli. (A.V. per NL)
 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Facebook: continua la crescita degli utenti. Ma anche dei dubbi sugli effetti diretti ed indiretti della presenza sul social network più famoso

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL