Il bollino Siae non è regolare ma serve a capire se il Cd è contraffatto: vendita ancora punita

La Cassazione chiude il cerchio sul bollino Siae. Anche se in Italia non c’è più l’obbligo di apporlo è comunque un “indizio” che la polizia può usare, come ha sempre fatto finora, per individuare Cd pirata


cassazione.net – newsletter n. 73

GIOVEDI’ 31 LUGLIO 2008
La Cassazione chiude il cerchio sul bollino Siae. Anche se in Italia non c’è più l’obbligo di apporlo è comunque un “indizio” che la polizia può usare, come ha sempre fatto finora, per individuare Cd pirata. Se l’opera è contraffatta la vendita e il noleggio sono reato.

Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 32064, ha confermato la condanna nei confronti di un senegalese sorpreso dalla polizia con 280 Cd per play station e 395 Cd musicali, privi del contrassegno.
Solo nei mesi scorsi la Suprema corte aveva, con una serie di sentenze, scagionato svariati imputati per la vendita di Cd pirata sostenendo l’irregolarità del bollino e quindi l’inesistenza dell’obbligo di apporlo.

>> Scarica la Sentenza!

printfriendly pdf button - Il bollino Siae non è regolare ma serve a capire se il Cd è contraffatto: vendita ancora punita
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Il bollino Siae non è regolare ma serve a capire se il Cd è contraffatto: vendita ancora punita

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL