Internet è la fonte più popolare d’informazione, dice sondaggio

(Reuters) – Internet è di gran lunga la fonte più popolare di informazione, superando televisione, radio e quotidiani. E’ quanto emerge da un sondaggio condotto negli Stati Uniti. Tuttavia, solo una piccola percentuale di adulti americani ritengono che siti web di social network come Facebook e Myspace siano una buona fonte dove reperire notizie, e quelli che ricorrono a Twitter sono ancora meno. Oltre la metà degli intervistati nel sondaggio di Zogby Interactive ha dichiarato che, dovendo scegliere un’unica fonte di informazione, opterebbe per Internet, mentre il 21% sceglierebbe la televisione e il 10% quotidiani e radio. Solo il 10% crede che i social network siano importanti per l’informazione e, nonostante il successo di Twitter, solo il 4% lo userebbe per cercare notizie. Internet è stato eletto anche come fonte più affidabile di informazione da quasi il 40% degli adulti, mentre il 17% ha votato la televisione, il 16% per i quotidiani e il 13% per la radio. "Questo sondaggio rafforza l’idea che gli sforzi messi in atto da quotidiani, reti televisive e notiziari radiofonici per indirizzare i consumatori verso i propri siti web stanno funzionando", riporta una nota di Zogby. Quasi la metà dei 3.030 adulti che hanno partecipato al sondaggio online hanno giudicato importanti i siti web dei quotidiani nazionali, seguiti da un 43% che preferisce i siti web delle reti televisive. I blog sono ritenuti meno necessari dei siti web. Alla domanda sulle aspettative per il futuro, ben l’82% ha detto di pensare che Internet diventerà nel giro di cinque anni la principale fonte di informazione. Secondo i dati del settore, circa l’84% degli americani dispone dell’accesso a Internet.
 
 
printfriendly pdf button - Internet è la fonte più popolare d'informazione, dice sondaggio
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Internet è la fonte più popolare d'informazione, dice sondaggio

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO