La radio digitale italiana è regolamentata. Con alcune sorprese….

La delibera Agcom 664/09/Cons, che molto impegnerà nei prossimi mesi le emittenti radiofoniche, è una sorta di collazione delle disposizioni normative in tema di DTT, opportunamente adattate alla radiodiffusione sonora.
Anche se va apprezzata l’introduzione di novelle di sicura rilevanza, come l’esenzione decennale degli operatori di rete dal pagamento dei costosi diritti amministrativi ex art. 34 D. Lgs. 259/2003. La delibera è tarata per l’introduzione del digitale terrestre radiofonico (DTR) solo in banda VHF-III (compatibilmente col DTT), con possibilità di integrazione della diffusione in banda UHF-L. Soluzione che è stata a lungo oggetto di polemiche per via della ridotta disponibilità frequenziale nel nostro panorama radioelettrico, tanto che il rilascio delle autorizzazioni generali è previsto esclusivamente a società consortili nazionali e locali partecipate da emittenti analogiche legittimamente operanti ed omogenee per ambito diffusivo, “stante l’esigenza di ottimizzare l’utilizzazione delle risorse radioelettriche scarse” (c. 3, art. 12, All. A, Del. 664/09/Cons). Un barlume di apertura al principio della neutralità tecnologica è però presente in una delibera di probabile scarso interesse per il mercato (si aspira, al più, alla mera riproposizione in digitale dei prodotti esistenti in analogico, senza nulla aggiungere): si tratta dei commi 2 e 3 dell’art. 21. Il comma 2 prevede infatti che “Le diffusioni sonore in tecnica digitale effettuate in onde medie, onde corte e , comunque, in bande di frequenze inferiori a 30 MHz possono essere realizzate secondo lo standard DRM-ETSI ES 201 980, previo assenso del Ministero”. Ma è il comma 3 che più interessa (o dovrebbe interessare) da vicino gli operatori radiofonici italiani. Esso così recita: “L’attività di sperimentazione di nuove tecnologie digitali per la diffusione di programmi su reti radiofoniche terrestri, ivi comprese quelle operanti in banda FM, deve essere preventivamente autorizzata dal Ministero, anche al fine di garantire il regolare esercizio dell’attività radiofonica in tecnica analogica e digitale . La sperimentazione deve essere effettuata su limitate porzioni del territorio secondo uno specifico progetto di fattibilità tecnica presentato dal soggetto richiedente ed ha durata limitata nel tempo, comunque non superiore a otto mesi a partire dall’avvio della stessa , rinnovabile una volta sola. La sperimentazione non prefigura alcun titolo per il conseguimento di una successiva autorizzazione generale, né costituisce titolo preferenziale per l’ottenimento di diritto di uso delle frequenze a fini commerciali . L’autorizzazione non riveste carattere di esclusività né in relazione al tipo di rete o servizio, né in relazione all’area o alla tipologia di utenza interessata e non può presentare caratteristiche di continuità, né essere offerta come servizio al pubblico od avere caratteristiche commerciali compreso l’invito al pubblico all’acquisto dei ricevitori.. Il soggetto che ottiene l’autorizzazione alla sperimentazione è obbligato a comunicare all’utente la natura sperimentale del servizio e l’assenza di caratteristiche commerciali , nonché a comunicare al Ministero i risultati della sperimentazione”. Scommettiamo che saranno qui che si concentreranno le maggiori pulsioni degli italici editori?

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - La radio digitale italiana è regolamentata. Con alcune sorprese….

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL