L’UCSI della Toscana lancia concorso per stabilire se i giornalisti servono

Bancihi: “Un concorso dove non si vince assolutamente nulla e che consiste nello scrivere un breve pensiero sul senso di questa professione”


da Franco Abruzzo.it

Firenze, 23 gennaio 2008. Un concorso per stabilire se oggi i giornalisti servono. E’ stato lanciato dall’Ucsi Toscana in occasione della festa del santo patrono della categoria, Francesco di Sales. ”Un concorso – spiega il presidente Ucsi, Mauro Banchini – dove non si vince assolutamente nulla e che consiste nello scrivere un breve pensiero sul senso di questa professione in un periodo caratterizzato da trasformazioni, anche tecnologiche, cosi’ radicali da aver mutato lo scenario della comunicazione giornalistica mettendo perfino in forse il suo futuro”. L’iniziativa e’ aperta non solo ai giornalisti: chiunque, infatti, puo’ scrivere la sua opinione sintetizzandola al massimo in 20 righe. ”Sappiamo bene quanto sia fondamentale e delicato per la stessa democrazia il mestiere di raccontare – prosegue l’Ucsi Toscana – e con questa iniziativa intendiamo dare a tutti, colleghi e cittadini, un modo in piu’ per riflettere sull’importanza della liberta’ di informazione oggi sempre piu’ minacciata ma oggi anche sempre piu’ sottoposta a stimoli e cambiamenti”. Per aderire c’e’ tempo un mese: il concorso resta infatti aperto fino al 29 febbraio. (ASCA)

Send Mail 2a1 - L'UCSI della Toscana lancia concorso per stabilire se i giornalisti servono

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL