Nuova proposta: Autorita’ unica europea delle telecomunicazioni a scartamento ridotto

La Commissione europea ha varato una nuova proposta di riforma delle regole Ue nel settore delle Telecomunicazioni


ADUC.it

Nel nuovo testo, che mira a facilitare la ricerca di un compromesso fra le posizioni contrastanti espresse dal Parlamento europeo e dal Consiglio Ue rispetto alla precedente proposta, la Commissione insiste nella sua idea di creare una nuova ‘authority’ indipendente europea, al di sopra dei regolatori nazionali, ma ne riduce sostanzialmente le dimensioni e le competenze, accettando anche che la metà dei suoi componenti (10 su 20) siano un’emanazione diretta delle authority nazionali.
Il nuovo ufficio Ue delle Tlc si chiamerà “Organismo dei regolatori europei delle telecomunicazioni”, proprio per sottolineare questo nuovo approccio, e non si occuperà piú (come invece era previsto nella proposta precedente) dello spettro delle frequenze radio e della sicurezza delle rete. Resterà quindi in funzione, separatamente, l’Agenzia europea per la sicurezzza delle reti (Enisa) che secondo la prima versione della riforma avrebbe dovuto fondersi con la nuova autorità europea.
Il nuovo testo sarà discusso dai ministri delle Tlc dei Ventisette durante il Consiglio Ue del 27 novembre, a Bruxelles.

printfriendly pdf button - Nuova proposta: Autorita' unica europea delle telecomunicazioni a scartamento ridotto
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Nuova proposta: Autorita' unica europea delle telecomunicazioni a scartamento ridotto

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL