Pubblicità giochi: sanzioni più severe

Pesanti limitazioni in relazione alla pubblicità dei giochi sono previste nella versione definitiva del c.d. Decreto Balduzzi. Secondo quanto riportato da Italia Oggi (edizione del 12/09), a decorrere dal 1° gennaio 2013 nelle pubblicità riguardanti i giochi che permettono una vincita in denaro dovrà essere indicato il rischio di dipendenza e le probabilità di vincita.

Inoltre, sarà vietata la diffusione di messaggi pubblicitari finalizzati “a incitare al gioco o a esaltarne la pratica” (art. 7, comma 4), pena la sanzione amministrativa da 100 mila a 500 mila euro, a carico sia del committente che del soggetto che diffonde il messaggio. (D.A. per NL)
 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Pubblicità giochi: sanzioni più severe

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL