Radio, Finelco. PWC deposita perizia a RCS Media Group: 100 mln il valore delle radio

E’ ancora in alto mare la definizione della successione delle quote (44,45%) di RCS Media Group nella holding milanese Finelco, che edita le stazioni nazionali Radio 105, RMC e Virgin Radio.

Secondo alcune indiscrezioni raccolte da Il Sole 24 Ore, l’advisor PricewaterhouseCoopers, incaricato da RCS Media Group di stimare il valore di Finelco (per l’Antitrust secondo operatore nazionale dopo la RAI quanto a raccolta pubblicitaria), avrebbe reso una perizia che, valutata in termini di equity la società una sessantina di milioni di euro e aggiunti circa 40 milioni di debito, porterebbero l’enterprise value della holding a circa 100 milioni di euro. Una stima ben inferiore alle valutazioni di mercato delle tre reti Finelco (stimate oltre il doppio), se si si pensa, per avere un metro di confronto, che la sola R 101 di Mondadori, in trattativa per la cessione a RTL 102,5 sarebbe valutata 38 mln di euro, cioè più o meno il valore di acquisto al netto dei corposissimi investimenti effettuati per ampliarne la diffusione e le performance editoriali), quindi a prezzo di saldo. Secondo il quotidiano economico, la perizia sarebbe "uno snodo cruciale per il riassetto azionario delle radio e la probabile vendita. Infatti nel 2007 i due soci di Finelco, cioe’ Rcs e la famiglia Hazan, hanno sottoscritto complessi accordi con opzioni put and call: secondo i quali Rcs ha la possibilità di comprare la quota della famiglia Hazan e quest’ultima, a propria volta, può decidere di cedere la sua quota in Finelco al gruppo editoriale di via Solferino". Previsioni contrattuali che hanno determinato l’empasse attuale, conseguente all’allontanamento dell’unico soggetto dichiaratosi concretamente interessato: il Fondo d’investimento Clessidra che, dopo aver esperito una due diligence, si è chiamato fuori dal deal per una non dichiarata impossibilità di giungere al controllo della società, stante la volontà dei soci di maggioranza, la famiglia Hazan (e in particolare il fondatore Alberto), di cedere le quote. Anche gli altri soggetti che avevano manifestato interesse non sono in realtà andati oltre: i player radiofonici europei Global Radio (UK), Kiss Fm (Spagna), Atresmedia (facente riferimento al gruppo italo-iberico Planeta-De Agostini), la rete romana RDS, il private equity Palladio e la famiglia Rovati (settore, farmaceutico) hanno avuto un approccio sommario all’operazione. Gli scenari che si prospettano sono quindi tre: la collocazione delle quote di RCS Media Group a prezzo "da vero affare" ad un soggetto non interessato a conseguire il controllo di Finelco a breve; la definizione preventiva di un accordo tra il socio di maggioranza e il socio subentrante; il congelamento della cessione delle quote di Via Solferino in attesa di diverse condizioni. (M.L. per NL)
printfriendly pdf button - Radio, Finelco. PWC deposita perizia a RCS Media Group: 100 mln il valore delle radio