Radio locali. Misure di sostegno. Una nuova proposta delle emittenti rivolta alla Regione Abruzzo

Abruzzo

Nuova proposta nell’ambito del dibattito sviluppatosi spontaneamente su queste pagine giunge da un gruppo molto numeroso di emittenti abruzzesi, che hanno chiesto alla Regione di attivare nel provvedimento “Salva Abruzzo” misure di sostegno al comparto dell’informazione per i mesi a venire, “liberando le risorse per consentire alle imprese di attuare campagne di comunicazione e campagne di finanziamento a valere su progetti comunitari, fondi di sviluppo per l’impresa POR FESR, altri fondi comunitari e fondi propri regionali con una quota percentuale da riservare ai mezzi di informazione radiofonica locale”.

Stampa, Radio, Tv, Web essenziali in Covid-19

“L’emergenza sanitaria che tutti stiamo affrontando in queste settimane vede impegnati in prima linea i mezzi di informazione – stampa, radio, tv, web – che svolgono un servizio pubblico fondamentale nell’interesse della collettività, fornendo informazioni puntuali, rigorose, scientificamente attendibili sull’andamento della situazione nei diversi territori e intrattenendo le persone costrette a stare in casa”.

Praticamente tutte le emittenti della regione Abruzzo concordi

Inizia così una nota inviata da numerose emittenti radiofoniche abruzzesi (Ballaradio, Radio Amica international, Radio Antenna Futura, Radio Abruzzo Marche, Radio California, Radio Centrale, Radio Ciao, Radio C1, Radio Delta 1, Radio Evolution, Radio Giulianova, Radio International, Radio L’Aquila 1, Radio Luna Avezzano, Radio Luna Pescara, Radio  Monte Velino, Radio Parsifal, Radio Planet, Radio Play Capital, Radio Stella, Radio Studio 5, Radio Teramo In), alla Regione Abruzzo e a NL, con preghiera di pubblicazione nell’ambito del positivo confronto spontaneamente nato su queste pagine a riguardo delle misure di sostegno per il sistema radiotelevisivo locale italiano.

Senza aiuto dopo la crisi Covid-19 non saremo in grado di servire le imprese del territorio della regione Abruzzo

“È evidente che tale emergenza stia producendo enormi conseguenze anche sul piano economico-finanziario e produttivo. Per quanto riguarda il nostro settore, la raccolta pubblicitaria si è fermata e potremmo non essere in grado di servire le imprese del territorio quando la crisi sanitaria cesserà”, prosegue la comunicazione.
“Mai come in questo momento è urgente un sostegno da parte delle autorità regionali a favore di un comparto essenziale per il nostro territorio.

Non basta credito imposta secco del 30% sugli investimenti pubblicitari

Nel decreto “Salva Italia” è stato esteso il credito d’imposta, calcolato nella misura unica del 30% dell’intero valore degli investimenti pubblicitari effettuati, e non più sul solo incremento rispetto all’investimento effettuato nell’anno precedente. Ma non basta. Tale agevolazione si rivela insufficiente in considerazione del fatto che gli investimenti in pubblicità non rivestono carattere primario e saranno di certo penalizzati a fronte di servizi e beni considerati più importanti.
A tutt’oggi la nostra attività non si è fermata e continua nell’interesse pubblico, anche in periodo di crisi, nonostante gli ingenti costi fissi che dobbiamo sostenere.

Principale costo: energia elettrica

Il principale quello dell’energia elettrica, necessaria ad alimentare l’intera rete di trasmissione per la copertura capillare del territorio regionale. Ciò al fine di garantire in maniera equa il nostro servizio a tutta la popolazione indipendentemente dalle aree di residenza e dai target di ascolto.

Cassa Integrazione impossibile senza sacrificare servizio

Preme far presente, inoltre, che molte delle realtà radiofoniche locali abruzzesi non potranno usufruire degli ammortizzatori sociali messi a disposizione dal Dl n. 18/20 poiché in contrasto con altre normative di settore.
Altre regioni, non solo in questo periodo di crisi ma ogni anno, sostengono le attività
delle radio locali con leggi e finanziamenti dedicati. Riteniamo che ciò sia ancora più necessario in questo particolare momento.

Le nostre proposte

Vi chiediamo quindi, di impegnarvi per:
– Inserire un provvedimento di sostegno immediato e straordinario a favore delle imprese radiofoniche in relazione all’emergenza Covid-19, da inserire nel decreto “Salva Abruzzo” che la Giunta Regionale sta valutando;
– approvare una Legge Regionale di sostegno al comparto dell’informazione per i mesi a venire, con una dotazione finanziaria consistente e necessaria allo svolgimento delle nostre attività nell’interesse pubblico che consenta di arginare le gravi perdite causate da questa emergenza;
– Liberare le risorse per consentire alle imprese di attuare campagne di comunicazione e campagne di finanziamento a valere su progetti comunitari, fondi di sviluppo per l’impresa POR FESR, altri fondi comunitari e fondi propri regionali con una quota percentuale da riservare ai mezzi di informazione radiofonica locale”. (Per eventuali comunicazioni: abruzzoemittentiradio@gmail.com – E.G. per NL)

printfriendly pdf button - Radio locali. Misure di sostegno. Una nuova proposta delle emittenti rivolta alla Regione Abruzzo