Radio: parte la nuova campagna RAI contro le interferenze FM dei privati

Torna lo spettro del 2004/2005: la RAI si preparerebbe infatti a scatenare una nuova offensiva contro le emittenti private che interferirebbero le sue emissioni FM.

A quanto risulta a questo periodico, la concessionaria pubblicata, alleggeritasi degli impegni connessi al traumatico passaggio al DTT, si starebbe ora concentrando sui problemi di diffusione in modulazione di frequenza delle proprie radio. A motivare la decisione di attuare un rastrellamento interferenziale, tanto per cambiare, sarebbero i disastrosi esiti delle indagini d’ascolto, che condannano due delle tre principali radio pubbliche a livelli di emittenza nazionale minore, mentre Radiouno si colloca solo al 6° posto della classifica Radio Monitor di Eurisko. Per non parlare di Isoradio 103,3 e GR Parlamento, stazioni sulla cui ragione d’esistenza economico-editoriale ci sarebbe da porsi più d’una domanda. In realtà, che la ragione della catastrofica condizione delle emittenti RAI sia da ricondurre alle problematiche di sintonizzazione FM è un nesso di causalità tutto da dimostrare. Anzi, per la più parte degli osservatori, i problemi di ascolto RAI sono tutt’altro che quelli conseguenti a patologie diffusive, peraltro spesso figlie non già di rinnovate ingerenze interferenziali, quanto di layout impiantistici anacronistici, di una pianificazione dei punti d’irradiazione attuata negli anni ’50/60 (cioè in un etere completamente vergine e con un’urbanizzazione nemmeno lontanamente paragonabile all’attuale) e di una convivenza forzata quanto inevitabile. L’ennesima caccia all’untore interferenziale, attuata, tanto per cambiare, sulla base di parametri di determinazione dei rapporti di compatibilità (le regole UIT-R, applicabili solo in regime di pianificazione delle frequenze) incompatibili con la condizione di deregolamentazione della modulazione di frequenza italiana, lungi dal determinare il bramato recupero d’utenza, amplierà a dismisura il contenzioso giudiziario a carico dello Stato e catalizzerà gran parte delle già limitate risorse degli Ispettorati territoriali del Ministero dello Sviluppo Economico. Con l’effetto che le emittenti private, piegate dalla crisi economica e da una pressione burocratica che probabilmente non ha pari al mondo (non solo in Europa!), dovranno intraprendere un nuovo aspro e dispendioso confronto con l’Amministrazione pubblica. L’auspicio è che Federica Guidi, nuovo ministro allo Sviluppo Economico d’estrazione imprenditoriale, colga la necessità di un immediato intervento d’indirizzo tecnico-politico su una materia dal potenziale devastante per il comparto radiofonico privato prima dello scoppio dell’ennesima guerra dell’etere. (M.L. per NL)
 
printfriendly pdf button - Radio: parte la nuova campagna RAI contro le interferenze FM dei privati
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Radio: parte la nuova campagna RAI contro le interferenze FM dei privati

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL