Radio Radicale: ancora a rischio il rinnovo della convenzione. Nel testo in discussione alla Camera previsto un accantonamento solo per due anni

Ancora a rischio il rinnovo della convenzione per il servizio pubblico di trasmissione delle sedute parlamentari e quindi del servizio pubblico di Radio Radicale”.

A denunciarlo sono gli stessi radicali che hanno indetto per oggi una conferenza stampa alle 11 a Roma per informare sulla situazione e proporre iniziative in difesa del servizio con Emma Bonino e Marco Pannella, insieme a Massimo Bordin (direttore di Radio Radicale), Paolo Chiarelli (amministratore delegato della Centro di Produzione Spa). “La convenzione è attiva dal 1994 ed è stata rinnovata, a partire dal 2000, sempre attraverso la legge finanziaria. Questa volta – spiegano -, a pochi giorni dalla sua approvazione definitiva per il 2010, la convenzione triennale tra il Ministero dello sviluppo economico e la Centro di Produzione Spa, per la trasmissione delle sedute parlamentari, scaduta lo scorso 20 novembre, non è stata ancora rinnovata”. Nel testo in discussione alla Camera dei Deputati è stato previsto un accantonamento solo per due anni e sarebbe perfino, quindi, necessario un successivo provvedimento legislativo per prevederne l’utilizzo! Inoltre, il contributo per l’editoria, unica altra fonte di ricavo dell’impresa – aggiungono -, è stato reso gravemente incerto nella sua entità dalle recenti modifiche normative che, vista la ridotta disponibilità dei capitoli di spesa, ha previsto un riparto vago e di cui non si conoscono le regole, se ci sono, del contributo tra i diversi soggetti”. “Il servizio pubblico di Radio Radicale, la cui eccellenza ci sembra unanimemente riconosciuta e anche da moltissimi, nelle Istituzioni, pubblicamente sostenuta, corre quindi gravissimi rischi – conclude la nota – e la mancata o oggettivamente insoddisfacente soluzione di entrambi i problemi entro i prossimi giorni, porterà inesorabilmente (dopo oltre 33 anni) alla sua fine”.(fonte ANSA).
printfriendly pdf button - Radio Radicale: ancora a rischio il rinnovo della convenzione. Nel testo in discussione alla Camera previsto un accantonamento solo per due anni
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Radio Radicale: ancora a rischio il rinnovo della convenzione. Nel testo in discussione alla Camera previsto un accantonamento solo per due anni

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL