RTV. Catricalà scioglie dubbi: assegnazione dividendo interno dopo settembre. Tutela tv locali prioritaria. Trattative con Difesa per utilizzo ch 13 per radio digitale

Continuamente annunciato come imminente, alle soglie delle vacanze estive non c’è ancora traccia del bando di gara per l’assegnazione dei canali tv del dividendo digitale interno (ex beauty contest).

"Siamo nei tempi. Noi avevamo l’impegno di mandare il bando all’Unione Europea. In particolare abbiamo dovuto mandarlo a due commissari, sia Almunia sia Kroes. Era un impegno che ho voluto e dovuto rispettare. A Bruxelles i tempi sono quelli: ci vuole un parere giuridico e ci sono esami tecnici. Quindi io penso che siamo in un tempo fisiologico di attesa e di istruttoria che non ci deve impensierire". La dichiarazione è del viceministro allo Sviluppo Economico Antonio Catricalà ed è stata rilasciata nel corso di un’intervista al periodico Sat Cafè del provider satellitare Eutelsat.  "Se dovremo sollecitare solleciteremo – continua Catricalà – Ma non mi allarmerei adesso, semmai, se non succede nulla, verso la fine di settembre. Abbiamo notizia che stanno chiudendo il loro parere e sembrerebbe anche irriguardoso fare un sollecito adesso. Poi, naturalmente, a prescindere dalla gara, c’è da fare un discorso generale sulla risistemazione dello spettro radioelettrico per vedere come si possono risolvere i problemi interferenziali che si sono manifestati finora". A riguardo dei timori manifestati dalle tv locali di finire come il vaso di coccio tra i vasi di ferro, il viceministro rassicura:  "La mia gestione si è caratterizzata per la continua interlocuzione con gli operatori. Come tutti sanno, sullo sfondo c’è la vicenda della banda 700. Noi punteremo a garantire l’utilizzo comprimario della banda 700 tra tv e servizi di telecomunicazione. D’altra parte, però, non può essere di nuovo che l’agnello sacrificale saranno le tv locali perché loro rappresentano un valore pluralistico non facilmente sostituibile. Quindi speriamo anche attraverso l’innovazione tecnologica – penso al T2 – di risolvere molti problemi che si sono manifestati fino ad ora". E a proposito del DVB-T2, Catricalà esclude fermamente un nuovo switch-off: "Non ci pensiamo neanche lontanamente. Tanto per cominciare il T si continuerà a vedere comunque, nonostante si fosse sparsa questa idea. E’ come quando arrivò il colore: chi aveva la tv in bianco e nero ha continuato a vederla. Poi gradualmente incentiveremo il passaggio al T2, però senza alcuna spesa per i cittadini". Schiarite pervengono anche sul Bando 2013 per i contributi alle tv locali: "L’ho già firmato e in questo momento è al vaglio della Corte dei Conti. In questo momento non vorrei che venisse pubblicato e non lo vorrebbero neanche gli operatori che fosse pubblicato oggi con il termine che scade il 15 di agosto. Aspettiamo che passi il mese di agosto per pubblicarlo verso la fine del mese, in modo da avere tutto settembre per preparare adeguatamente le domande". Sull’organigramma del MSE-Com successivamente al pensionamento dell’ing. Troisi e in vista di quello dell’ing. Leone, il viceministro afferma: "Sono due colonne del ministero. Troisi, intanto, quando è possibile lo utilizziamo come nostro consulente. Certo in particolari situazioni e per particolari esigenze, Leone penso che resterà fino a febbraio. Poi vedremo nel frattempo di fare qualche bella promozione. All’interno abbiamo professionalità importanti della dirigenza che aspettano da tanto tempo un riconoscimento". Catricalà, infine, dedica attenzione alla radio digitale, il cui sviluppo è frenato dall’indisponibilità del canale 13, assegnato al Ministero della Difesa: "La trattativa con il ministero della Difesa si è interrotta tre anni fa. E’ chiaro che non possiamo lasciare questo canale integralmente alle loro necessità. Avremo la necessità di sfruttarlo in qualche modo anche noi. Chiederemo di rendercelo disponibile. Vedremo in che tempi e in che misura. Però, è un canale sul quale non abbassiamo il nostro livello di richiesta. Intanto il 12 è disponibile. Per esempio in Trentino la sperimentazione prosegue su questo canale. Quindi continueremo ad incentivare questo passaggio al digitale sulle disponibilità frequenziali che ci sono, ma chiarendo che cercheremo anche ulteriori disponibilità". (M.L. per NL)
printfriendly pdf button - RTV. Catricalà scioglie dubbi: assegnazione dividendo interno dopo settembre. Tutela tv locali prioritaria. Trattative con Difesa per utilizzo ch 13 per radio digitale