Sudan: scarcerata ieri la giornalista coi pantaloni

Dopo ventiquattrore passate nel carcere di Khartoum, è stata liberata ieri la giornalista Loubna Ahmed al-Hussein, divenuta nelle ultime settimane il simbolo della lotta per i diritti delle donne e per l’abrogazione della legge n 152/91 del codice penale sudanese, che prevede pesanti pene corporali a chiunque “commetta un atto indecente, un atto che viola la moralità pubblica o indossi indumenti indecenti”. Loubna è uscita dal carcere, nonostante avesse sbandierato l’intenzione di non scendere a compromessi con le autorità sudanesi, che avevano commutato la sua pena (40 frustate) in una multa di 500 lire sudanesi, equivalenti a circa 200 dollari americani, in alternativa ad un mese di detenzione. “Non pagherò, vado in prigione”, aveva detto due giorni fa all’apprendimento della sentenza di condanna, più “soft” di quanto previsto dalla legge come pena massima (40 frustate, appunto). Ed, in effetti, il suo avvocato aveva fatto sapere che in prigione c’era andata sul serio. Lì, però, c’è rimasta solo una notte, dopo che ieri l’Unione dei giornalisti sudanesi ha pagato la sua cauzione e l’ha fatta liberare, erigendola a paladina della lotta per i diritti delle donne in Sudan e trasformandola in un eroe mediatico. “Non so neanche chi abbia pagato la multa. Avevo chiesto alla mia famiglia e ai miei amici di non pagarla”. Sono state queste le prime parole della giornalista, all’uscita dal carcere di Khartoum, dove ha proseguito, rendendo noto che la sua lotta non si ferma qui. “Continueremo a combattere”, ha detto, regalando un po’ di speranza alle donne del suo Paese, i cui diritti diventano spesso e volentieri un optional da quando il Sudan è in mano ad una giunta militare comandata da Omar Hasan Ahmad al-Basir, che prese il potere nel 1989, a seguito di un colpo di Stato. Da allora lo Stato, dove già vige una Costituzione ispirata alla Sharia, la legge islamica, versa condizioni di vita antidemocratiche. Per non parlare, poi, delle forti minoranze religiose, del 25% di sudanesi che professano religioni animiste e del 5% di cattolici, presenti entrambi in maniera massiccia nel sud del Paese, e che devono sottostare a queste leggi. Tornando al caso di Loubna, la giornalista fu arrestata nel luglio scorso, assieme ad un gruppo di dodici donne, in un ristorante, con l’accusa di essere vestite in modo “indecente”. Loubna e le sue amiche portavano i pantaloni. E proprio in pantaloni, rigorosamente, la giornalista è uscita dal carcere, scortata da uno stuolo di reporter internazionali, promettendo battaglia. Siamo con lei. (G.M. per NL)
 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Sudan: scarcerata ieri la giornalista coi pantaloni

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL