Turchia. A Bandirma freddato il direttore del giornale locale

Si chiamava Cihan Hayirsevener, era il direttore del quotidiano locale di una piccola città affacciata sul mar di Marmara, a poche centinaia di chilometri dal caos di Istanbul.

È stato ucciso pochi giorni fa, il 19 dicembre, da un vigliacco che gli ha sparato alcuni colpi di pistola, recidendogli l’arteria femorale, e poi è fuggito a bordo di un’auto. Cihan Hayirsevener è morto, si mormora, perché da due anni scriveva di corruzione, di appalti truccati e già aveva ricevuto numerose minacce. Ma la sorveglianza, quella no. Ed allora pochi giorni fa, in pieno giorno, in mezzo alla strada, il suo aggressore è andato a prenderlo, gli ha scaricato addosso la sua arma e l’ha zittito per sempre. Casi come questi, in Turchia, purtroppo, ne accadono troppo spesso. Le ragioni sono ogni volta diverse, data la complessità politico-religiosa del Paese. E chi fa il mestiere del giornalista, come ha sostenuto Zafer Atay in Turchia, di rischi ne corre tanto. L’omicidio di Hayisevener è stato paragonato a quello di Hrant Dink, che due anni fa aveva sconvolto il paese. Dink era stato freddato apparentemente da un pazzo ultranazionalista ad Istanbul per aver “offeso” la popolazione turca e la sua tradizione. Di origine armena, Dink era sempre stato tra coloro che tentavano di intavolare un dialogo tra il governo di Ankara e la minoranza armena, per arrivare al riconoscimento del genocidio commesso dal neonato Stato turco ai danni della consistente minoranza di armeni che s’erano trovati intrappolati nei confini tracciati dai trattati post-primo conflitto mondiale. Il giovanissimo assassino di Dink veniva da Trabzon, a due passi dall’attuale confine con l’Armenia e si dice frequentasse gli ambienti ultranazionalisti, così fecondi in quella terra. Solo dopo sul caso è venuto a gravare il peso delle indagini su Ergenekon, la cosiddetta gladio turca. Ma tuttora il caso non è chiarito. (G.M. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Turchia. A Bandirma freddato il direttore del giornale locale

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL