Tv e Tlc, Giacomelli (MISE): bene rapporto Lamy, il conflitto tra tv e telco non serve

Il rapporto Lamy introduce un elemento di chiarezza in una materia complicata: il conflitto tra tv e tlc in Europa non serve a nessuno”.

Questo il primo commento del sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli sul rapporto presentato ieri l’altro alla Commissione europea dall’ex direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio. “Lo dovremo leggere con attenzione ma la prima impressione è positiva. Abbiamo sempre detto che l’utilizzo della banda 700 da parte della telefonia mobile avrebbe dovuto essere armonizzata con l’introduzione dei nuovi standard di compressione tv, come il T2 – continua Giacomelli: – ora ci sarà più tempo per verificare l’impatto della tecnologia sull’evoluzione del mercato televisivo. L’importante è che tale processo sia armonizzato a livello europeo”. Da ieri il sottosegretario Giacomelli è a Bruxelles per presentare il programma del Semestre italiano di presidenza Ue sulle comunicazioni alle commissioni Trasporti e Cultura del parlamento europeo. (E.G. per NL)
printfriendly pdf button - Tv e Tlc, Giacomelli (MISE): bene rapporto Lamy, il conflitto tra tv e telco non serve
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Tv e Tlc, Giacomelli (MISE): bene rapporto Lamy, il conflitto tra tv e telco non serve

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL