Tv, Libano: Lbc, l’emittente proibita perché trasmette talk show sul sesso. Giornalista che ci lavora condannata a 60 frustate

Ricordate la storia di Lbc, l’emittente libanese al centro di uno scandalo per aver trasmesso un talk show in cui un uomo documentava e si vantava delle sue avventure sessuali?

La notizia, non troppo datata, risale allo scorso agosto. Allora le autorità saudite avevano annunciato la chiusura della sede saudita, nella capitale Riad, della tv araba, e l’uomo, Mazen Abdul Jawad, era stato arrestato. Lo scorso 7 ottobre Jawad è stato condannato a cinque anni di detenzione e a 1000 frustate per condotta immorale e violazione della sharia, la legge islamica. Non solo, tre suoi amici che goliardicamente avevano partecipato alla trasmissione, hanno subito una condanna a due anni di reclusione e 300 frustate a testa. L’emittente Lbc, inoltre, è stata oscurata ed è partita una caccia all’uomo nei confronti del principe saudita, il miliardario Al Walid Bin Talal, proprietario del network e del gruppo Rotana, che comprende diversi canali. Ora, l’emittente libanese torna alla (triste) ribalta delle cronache perché una sua giornalista, la ventiduenne Rozana Al Yami, è stata condannata da un tribunale del suo paese a sessanta frustate con delle motivazioni che hanno del grottesco. In un primo momento, infatti, la giornalista era stata accusata d’aver partecipato alla preparazione del programma in cui Mazen Abdul Jawad raccontava delle sue performance sessuali e d’averlo pubblicizzato sul web. Successivamente, però, il giudice ha fatto decadere tali accuse, dichiarandola semplicemente “colpevole” d’aver partecipato part-time alla trasmissione incriminata, ritenendo, ad ogni modo, di doverle infliggere una pena di 60 frustate. È la prima volta che una sentenza del genere colpisce una giornalista nel mondo arabo. Rozana Al Yami ha annunciato che non farà nemmeno ricorso nei confronti della pena inflittale, per paura di riceverne una ancora più dura. “E’ una condanna per tutte le giornaliste”, avrebbe detto all’Afp. (Giovanni Madaro per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Tv, Libano: Lbc, l’emittente proibita perché trasmette talk show sul sesso. Giornalista che ci lavora condannata a 60 frustate

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL