Tv. Riforma Tusmar: proposta di raddoppio quote investimenti in opere italiane ed europee, è polemica con i broadcaster

DARIO FRANCESCHINI - Tv. Riforma Tusmar: proposta di raddoppio quote investimenti in opere italiane ed europee, è polemica con i broadcaster

Il Ministero dei Beni e delle Attività culturali sta lavorando ad una riforma del Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici (Tusmar) che abbia come obiettivo il sostegno alla produzione e distribuzione di opere audiovisive europee e italiane. Il progetto di decreto sarebbe incentrato sull’art. 44 Tusmar, che assegna ai gruppi televisivi delle quote minime obbligatorie da destinare “alla produzione, al finanziamento, al pre-acquisto e all’acquisto di opere europee e italiane”: l’intenzione del Ministro Franceschini sarebbe quella di innalzare progressivamente queste quote, fino a raddoppiarle nel 2019. Se questa riforma andasse in porto, le emittenti commerciali, attualmente vincolate ad investire il 10% del fatturato annuale per gli scopi dell’art 44 Tusmar, dovrebbero investire il 15% nel 2018 e il 20% entro il 2019; mentre la quota della Rai, già al 15%, passerebbe al 20% e poi al 30% nello stesso arco di tempo.
L’effetto della norma sarebbe enormemente positivo per l’industria della produzione degli audiovisivi e la misura farebbe il paio con i tax credit previsti dal dl 50/2017 per le opere televisive, cinematografiche e web con requisiti di eleggibilità culturale, agevolazioni che verranno a breve rese operative con l’approvazione di una serie di decreti attuativi. Si realizza però un impatto considerevole anche sugli affari e i conti dei broadcaster, che – si vocifera – non abbiano accolto le intenzioni del Ministro con tranquillità. Sarebbero state proprio le reazioni allarmate dei gruppi televisivi a frenare Franceschini dal presentare il progetto di riforma al Consiglio dei Ministri lo scorso venerdì 15 settembre: il Ministero dei Beni e delle Attività culturali ha trattenuto presso di sé il testo in questione per fare opportuni approfondimenti e consultazioni sulla materia da regolare. (V.D. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Tv. Riforma Tusmar: proposta di raddoppio quote investimenti in opere italiane ed europee, è polemica con i broadcaster

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL