Home Radio e TV Radio, indagine TER. Radiomediaset: dati non comparabili coi precedenti e integrati da...

Radio, indagine TER. Radiomediaset: dati non comparabili coi precedenti e integrati da contributi tv. Siamo comunque primo player

CONDIVIDI

RadioMediaset (R101, Radio 105, Virgin Radio, Radio Subasio), cui fanno capo le attività radiofoniche del Gruppo Mediaset, si conferma primo Gruppo radio nazionale con il 17.5% di ascoltatori nel Quarto d’ora medio dalle ore 6 alle ore 24. Il Quarto d’ora medio (AQH) è il primo indicatore di riferimento per il mercato pubblicitario poiché premia la qualità dei contenuti e attesta la fedeltà dell’ascolto”.
Così una nota pervenutaci ora da Radiomediaset, nella quale si annota come sia “Indispensabile precisare che si tratta di un dato non confrontabile con il passato, trattandosi della prima rilevazione effettuata dalla nuova Società costituita dagli Editori (TER) con diverse discontinuità: due Istituti di ricerca per il field, alcune differenze metodologiche e un periodo anomalo rispetto al passato (maggio-ottobre 2017 vs gennaio – giugno 2016)”.

“L’altra importante novità – prosegue il comunicato dell’ala radiofonica del Biscione – riguarda il fatto che ai dati del reale ascolto radiofonico vengono sommati gli ascolti derivati dai canali televisivi delle emittenti stesse (per quelle che hanno attivo anche il canale tv) che nella precedente indagine venivano separati”.
Così Paolo Salvaderi, Amministratore Delegato di RadioMediaset: “Siamo soddisfatti del risultato ottenuto dalle nostre emittenti che ci consente di consolidare una solida leadership nel comparto di riferimento. Non credo sia corretto, in questo momento di costruzione della nuova ricerca, fare confronti con il passato e dare giudizi viste le tante differenze e discontinuità che caratterizzano questi nuovi dati. Possiamo solo affermare di avere quattro brand forti con un grande potenziale di crescita”. (E.G. per NL)

printfriendly pdf button nobg - Radio, indagine TER. Radiomediaset: dati non comparabili coi precedenti e integrati da contributi tv. Siamo comunque primo player