Accordo Yahoo! – Microsoft. La storia infinita

Secondo il Wall Street Journal, Steve Ballmer avrebbe aperto di nuovo la porta a Yahoo! Si attende l’insediamento del nuovo a.d. Carole Bartz per ricominciare le trattative.

Questa storia avrà una fine? Sul caso Microsoft – Yahoo! c’è tanto materiale da poter scrivere una storia dall’intreccio memorabile. bartz%20carol - Accordo Yahoo! – Microsoft. La storia infinitaIniziata l’anno scorso con la “super-offerta” di Gates-Ballmer da 46 miliardi di dollari, che Jerry Yang – ancora ci si chiede perché – preferì non accettare, è proseguita nel corso dei mesi con svariati tira e molla, fino ad essere messa in standby forzato con le dimissioni dello stesso a.d. taiwanese. Jang ammise di aver fallito, consapevole del fatto che la sua strategia non fu certo la migliore, se pur indirizzata ad ottenere dalla coppia Gates-Ballmer un’offerta in dollari ancora più generosa. Così Yahoo!, dopo un attimo di instabilità internazionale, nonché dopo il progressivo allontanamento di Microsoft, ha scelto il nuovo a.d., Carol Bartz, il cui insediamento è attesissimo in virtù della possibilità di ricominciare le trattative. Questo è quanto avrebbe dichiarato Steve Ballmer per il Wall Street Journal, riponendo speranza nelle capacità del nuovo a.d. di Yahoo! A quanto pare le porte per un’intesa sono sempre aperte. Si tratta, naturalmente, di delinearne la forma e le modalità. Ma il mercato del web è troppo interessante per essere lasciato in disparte. (Marco Menoncello per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Accordo Yahoo! – Microsoft. La storia infinita

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL