Ads, un passo verso il total audience. Avviato il progetto per calcolare la diffusione dei giornali su iPad e in .pdf

Il concetto, tutto americano, di total audience, sarà presto abbracciato da Ads (Accertamenti diffusione stampa), l’ente che – assieme ad Audipress – calcola la diffusione di quotidiani e periodici cartacei in Italia.

Ads,  infatti, secondo quanto affermato dal suo presidente Alessandro Brignone (anche direttore generale della Fieg), si doterà in tempi più o meno brevi dei dati sulle vendite delle versioni elettroniche dei giornali, in .pdf e sulle applicazioni per i tablet pc. Si tratta ancora di un’idea, di un progetto e non è ancora ben chiaro, secondo le fonti del quotidiano ItaliaOggi che ha dedicato spazio all’iniziativa, quando sarà possibile attuarlo concretamente. Il mercato, però, sembra esigerlo in maniera sempre più pressante. A breve, infatti, le applicazioni per iPad che diffondo le copie elettroniche dei giornali, terminata la fase promozionale, diverranno a pagamento: sarà imprescindibile, a quel punto, che gli operatori – ad oggi la Apple, ma in un prossimo futuro anche altre grandi aziende, come Samsung e Toshiba – si dotino di dati di diffusione omogenei da fornire agli editori dei giornali. Già oggi, ad ogni modo, ogni proprietario di un’applicazione per iPad ha la possibilità di contare quanti utenti abbiano scaricato o acquistato il proprio prodotto. Si tratterà, comunque, di un passo importantissimo per Ads, già sollecitata qualche settimana fa sulla questione dall’Upa (Utenti pubblicità associati); ma  la novità è che, secondo quanto dichiarato a ItaliaOggi da Brignone, saranno  conteggiate non solo le copie intere del giornale, ma anche i singoli articoli.  “Siamo in una fase ancora embrionale – ammette Brigone – ma l’interesse c’è. Ora bisogna lavorare per trovare un sistema di regole in base la quale avere i dati da tutti coloro che fanno da intermediari nella vendita delle versioni elettroniche. Per i .pdf venduti direttamente sui siti degli editori non c’è problema, ma bisogna pensare anche ad altri intermediari e soprattutto alle applicazioni per i tablet per le quali a breve non si parlerà soltanto di Apple”. Ecco perché, prima di muoversi concretamente, occorrerà attendere che gli altri due colossi del settore che hanno annunciato, nel corso dell’Ifa di Berlino, il loro ingresso nel mercato, rendano note le modalità con le quali intendono farlo. (L.B. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Ads, un passo verso il total audience. Avviato il progetto per calcolare la diffusione dei giornali su iPad e in .pdf

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL