Agenzia delle Entrate: risoluzione sul regime fiscale 22 luglio 2008, n. 313/E

Cessione del pacchetto azionario in due fasi con esercizio di opzioni


Sulla base del caso di specie, l’Agenzia ha stabilito che “la tassazione relativa alla cessione del pacchetto di minoranza debba avvenire al momento in cui si perfezionerà il contratto, vale a dire quanto le opzioni verranno esercitate”. Le opzioni esercitabili, call option e put option vincolano rispettivamente il venditore ed il compratore, nel primo caso quando l’acquirente esprimerà parere favorevole, nel secondo caso quando il venditore deciderà di esercitare il proprio diritto a vendere le partecipazioni azionarie. In conclusione “in entrambe le situazioni, le opzioni si perfezioneranno al momento dell’accettazione da parte dei promissari. Da ciò consegue che non è possibile considerare la vendita delle “Azioni Cedute a Termine” come un evento certo che avrà luogo nel corso del 2009 o un evento già di fatto perfezionatosi nel corso del 2008”, vale a dire – come ha giustamente stabilito l’AdE – che la tassazione deve essere riferita al momento di perfezionamento del contratto, cioè nel momento in cui acquirente e venditore esprimeranno il loro assenso. (L.B. per NL)

printfriendly pdf button - Agenzia delle Entrate: risoluzione sul regime fiscale 22 luglio 2008, n. 313/E