Apple tv: lancio rimandato

Slittano a metà marzo le prime consegne, ma il motivo resta ignoto


Il lancio italiano della nuova televisione della Apple, Apple tv, sulla quale sarà possibile vedere contenuti in streaming sullo schermo televisivo invece che sul computer, è stato rimandato di alcune settimane, per motivi non ancora precisati. Ad annunciarlo è Lynn Fox, portavoce di Cupertino, il quale ha annunciato che “per il lancio di Apple Tv serve qualche settimana in più di quanto preventivato e le consegne sono in programma a metà marzo”. Vedremo, ma comunque i motivi dello slittamento non sono stati precisati. Il set-top box, comunque, una sorta di decoder che permetterà il trasferimento dei programmi in streaming direttamente sullo schermo al plasma della Apple, ha un costo di 299 dollari negli stati Uniti, vedremo quale sarà il prezzo deciso per la vendita sul mercato italiano. Intanto, un’indagine della Compete, nota società di rilevazioni Usa, ha effettuato un sondaggio per capire quali saranno le reazioni degli americani nei confronti dell’ingresso sul mercato dell’iPhone, lo straordinario, ma dai prezzi più che proibitivi, telefono cellulare della società di Steve Jobs. Su un campione di 379 americani intervistati, appena l’1% di essi ha dichiarato di essere disposto ad investire una cifra considerevole per acquistarlo: il restante 99% potrebbe prendere in considerazione l’evenienza nel caso di calo dei prezzi fino a 200-299 dollari. Come biasimarli?. (L.B. per NL)

printfriendly pdf button - Apple tv: lancio rimandato