Autorità (in)dipendenti

Che sta succedendo all’Agcom? L’autorità presieduta da Corrado Calabrò sembra incapace di intervenire nel settore televisivo su una questione tanto importante qual è quella del logical channel numbering (LCN).

Già con la delibera 647/09/Cons l’Agcom aveva rischiato di ridursi al mortificante ruolo di ratificatore di accordi pattizi tra privati, tanto da dover essere “richiamata” al proprio ruolo da una volitiva Antitrust. Tuttavia, la dichiarazione di fine gennaio del commissario Roberto Napoli, secondo il quale entro il 4 febbraio l’Autorità avrebbe concluso l’istruttoria sugli LCN avviata ed avrebbe approvato, entro il 15 febbraio, il provvedimento recante i principi regolamentari sull’ordinamento automatico dei canali, aveva fatto sperare in un moto d’orgoglio. Sennonché, più o meno negli stessi giorni, il presidente Calabrò, ascoltato dal Parlamento, lamentava l’assenza di una norma che potesse “affidare all’Autorità il compito di predisporre un piano per la numerazione automatica dei programmi, in particolare per il digitale terrestre”, per rimuovere “l’anarchia in tema di numerazione automatica” che “sta provocando disagi ai cittadini nelle zone dov’è avvenuto il passaggio al digitale”. In quella occasione Calabrò rimarcava l’assenza di “un consolidamento del potere d’intervento nella normativa primaria”, che impediva di concretizzare l’azione in materia. Appello che, però, sarebbe andato ben oltre l’obiettivo, visto che nel riformulato Decreto Romani compariva pochi giorni dopo una norma regolamentare e sanzionatoria che assegnava sì all’Autorità l’incarico di stendere un regolamento per “le modalità di attribuzione dei numeri ai fornitori di servizi di media audiovisivi autorizzati alla diffusione di contenuti audiovisivi in tecnica digitale terrestre”, enunciando però principi e criteri direttivi così puntuali e stringenti da lasciar ben poco spazio ad ulteriore attività tecnico-giuridica indipendente. E pensare che sul sito dell’Agcom, alla voce “Introduzione all’Autorità”, si legge: “Indipendenza e autonomia sono elementi costitutivi che ne caratterizzano l’attività” e “L’Agcom è innanzitutto un’autorità di garanzia: la legge istitutiva affida all’Autorità il duplice compito di assicurare la corretta competizione degli operatori sul mercato e di tutelare i consumi di libertà fondamentali dei cittadini”.

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Autorità (in)dipendenti

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL