Calabria, radio abusiva della ’ndrangheta chiusa. In onda i pizzini della cosca

C’é anche una radio privata (abusiva), Radio Olimpia, tra i beni sequestrati a Rosarno su disposizione della Dda di Reggio Calabria nell’ambito dell’operazione All Inside contro la cosca Pesce.

Dall’indagine è emerso, infatti, che l’emittente radiofonica – priva di autorizzazione amministrativa – veniva utilizzata per mandare messaggi in codice ai boss della cosca Pesce rinchiusi in carcere. "Si trattava – hanno detto il procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone, ed il procuratore aggiunto, Michele Prestipino – di uno strumento di comunicazione importante nell’ambito delle strategie della cosca". La programmazione dell’emittente, hanno riferito magistrati ed investigatori incontrando i giornalisti a Reggio Calabria, rispondeva perfettamente all’esigenza di trasmettere messaggi cifrati, attraverso la scelta di determinati brani musicali che di volta in volta rappresentavano un sì o un no alle disposizioni che i capi della cosca impartivano dal carcere attraverso i colloqui con i familiari. (fonte Ansa)
printfriendly pdf button - Calabria, radio abusiva della ’ndrangheta chiusa. In onda i pizzini della cosca
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Calabria, radio abusiva della ’ndrangheta chiusa. In onda i pizzini della cosca

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL