Chi ce l’ha più grande (l’ambito)

Nel Testo Unico della Radiotelevisione, o meglio, come è stato enfatizzato qualche tempo, “dei Servizi di media audiovisivi e radiofonici”, c’è una curiosa disparità di trattamento tra tv e radio locali.
All’art. 2 comma 1, lettera a), n. 1, lettera v) (non ridete: l’infernale discesa alfanumerica è proprio questa!) “l’ambito locale radiofonico” è infatti definito attraverso una copertura massima di quindici milioni di abitanti, mentre quello “locale televisivo”, la lettera z) lo eleva ad una soglia inferiore al 50% della popolazione nazionale. Una distinzione che non trova ragione se non nell’esigenza dell’epoca gasparriana di sistemare alcune situazioni di fatto consolidatesi nel comparto televisivo (chiamiamole così…). Figli e figliastri che potrebbero presto trovare una parificazione normativa. Formalmente perché, sul piano giuridico, fattispecie identiche non potrebbero essere trattate in forma diversa. Sostanzialmente perché… Vabbè, questo lo potete immaginare da soli…

printfriendly pdf button - Chi ce l’ha più grande (l’ambito)
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Chi ce l’ha più grande (l’ambito)

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL