CNT Informa n. 41 – Pubblichiamo un estratto del nuovo numero del bollettino del Coordinamento Nazionale Televisioni

Impianti: lettera al Ministro Gentiloni sul caos attuale – Agcom: cessione 40%, consultazione pubblica e dubbi – Agcom: atto di indirizzo osservanza principi informazione


IMPIANTI INERZIE E CAOS DI COMPETENZE
LETTERA DELLA UGL AL MINISTRO GENTILONI

Il Componente Coordinamento Nazionale del Ministero delle Comunicazioni, attraverso la sede nazionale della UGL-Statali, ha richiamato l’attenzione sull’annosa questione delle competenze degli organismi relative all’attività radioelettrica, ed in particolare sul caotico stato dei fatti nella gestione della delicata materia. Lo ha fatto tramite una lettera indirizzata al Ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni nella quale viene elogiato certamente lo spirito di volontà che anima le intenzioni del ministro, intese a creare trasparenza riguardo impianti, frequenze e loro utilizzatori. Antonio Cavaliere, Responsabile Nazionale Ispettorati Territoriali, rende noto al ministro, però, che tutte le attività poste in opera a tal fine (censimenti, archivi, mappature, verifiche siti radioelettrici, postazioni impianti, ecc.), sono già state effettuate, ed hanno già prodotto un’ingente mole di dati che rappresentano una buona “fotografia elettrica”, almeno dello spettro radiotelevisivo. Il problema, dunque, non è ripartire da zero, ma considerare che ci sono gravi problemi nelle competenze, con pieno conflitto di sovrapposizioni, spesso delegate dall’organo centrale alle sedi provinciali, che producono una presenza del dicastero a macchia di leopardo sul territorio nazionale. Restano gravi le omissioni e le azioni che ostacolano l’attività di molti Ispettorati Territoriali. Per questo, si chiede al ministro di raccogliere e valorizzare il lavoro svolto nel tempo già dai diversi enti preposti, “eventualmente ricompattandoli sotto un unico alveo operativo privo di sperequazioni” per consentire di raggiungere il “trasparente comune unico dato informatico”. Il CNT condivide e sostiene queste posizioni e queste richieste auspicando il pronto accoglimento da parte del Ministro.

AGCOM CESSIONE DEL 40% CAPACITA’ TRASMISSIVA
CONSULTAZIONE PUBBLICA, I DUBBI DELLE TV LOCALI

L’Agcom sta decidendo sul delicatissimo tema del disciplinare di gara per la cessione del 40% della capacità trasmissiva digitale delle emittenti televisive che hanno più di una concessione analogica (Rai, parzialmente, Mediaset e La7). Il provvedimento è stato sottoposto a consultazione pubblica.
Lo schema proposto dall’Authority ha provocato il netto dissenso del CNT che ritiene ancora una volta fortemente lese le tv locali. Non essendo previsto l’obbligo per le reti nazionali di rendere la loro capacità disponibile su base disaggregata, ci sarebbe davvero poco spazio in questo 40% per le tv locali generando una grave e inaccettabile sperequazione. Ancora più grave poi il danno per le tv locali a dimensione provinciale perché non è minimamente prevista la capacità trasmissiva digitale su base disaggregata a livello provinciale.

AGCOM INFORMAZIONE ED EMITTENZA RADIOTV
ATTO DI INDIRIZZO PER OSSERVANZA DEI PRINCIPI

E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale N. 271 del 21/11/2007 la delibera N. 167/07/CSP dell’Agcom riguardante l’atto di indirizzo recante ulteriori regole per l’effettiva osservanza dei principi in materia di informazione. In particolare le emittenti radiotelevisive pubbliche e private nazionali devono garantire spazio adeguato a tutte le iniziative ed eventi in importanza nazionale sotto il profilo socio-politico del Paese. Secondo il CNT si tratta comunque di un atto del tutto inutile e comunque rozzo e superficiale e autoreferenziale per i partiti e le forze politiche.

ANTITRUST IMPIANTI RADIO
OK A MONRADIO PER OPERAZIONE DI ACQUISIZIONE

Con provvedimento n. 17485 l’Antitrust ha dato il via libera a Monradio S.r.l. (società titolare dell’attività radiofonica commerciale nazionale Radio R101) interamente controllata dalla Arnoldo Mondatori Editore S.p.A. all’acquisizione di un ramo di un ramo d’azienda della società Radio Time (società titolare della concessione della radiodiffusione sonora a carattere commerciale in ambito locale) consistente in un impianto di radiodiffusione e relativa frequenza (Via bottegaio – Località Monte Evangelo – Scandiano RE – 90,000 MHz.) e nelle cessione contestuale di un ramo di azienda consistente in un impianto e della relativa frequenza (Via Bottegaro – Località Bottegaro – Castellarano RE – 100,200 MHz).

TV E CONTENUTI. L’ACCORDO MEDUSA-TAODUE
SI RAFFORZA IL MONOPOLIO DI MEDIASET

E’ stato firmato un accordo per la costituzione di una joint-venture che raggruppa Medusa Film (controllata da RTI) leader nazionale della produzione cinematografica, e Taodue (controllata da Pietro Valsecchi e Camilla Nesbitt) leader della produzione di fiction d’autore. L’operazione prenderà forma con la costituzione di una nuova società (patrimonio netto di circa 370mln di euro) in cui RTI e Medusa Film faranno confluire il 100%. Alla leadership classica nelle produzioni di intrattenimento televisivo di RTI (trasmesse sulle reti Mediaset e distribuite anche a nuove piattaforme), si è affiancata prima la finestra internazionale di Endemol (maggio 2007) e nel luglio scorso il forte presidio rappresentato da Medusa sulla produzione e la distribuzione dei diritti cinematografici per tutti i media che utilizzano contenuti video sulle varie piattaforme. Oggi, con l’ingresso di TaoDue nel progetto, Mediaset diventa leader anche in un’area in continua espansione nazionale e internazionale come la fiction televisiva. Il CNT sostiene che è talmente evidente come il monopolio di Mediaset, oltre ad essere già una realtà nel settore degli impianti e delle frequenze, si rafforza ora ancora di più sul piano della produzione dei contenuti. Clamoroso, soprattutto per il silenzio intorno alla vicenda anche da parte dei falsi paladini del pluralismo.

UTENTI PUBBLICITA’ ASSOCIATI
GIOVANNA MAGGIONI NUOVO DIRETTORE GENERALE

Giovanna Maggioni è il nuovo direttore generale dell’UPA (Utenti Pubblicità Associati). La Maggioni è stata nominata dal Consiglio direttivo e sostituisce Valeria Monti. Giovanna Maggioni, aveva ricoperto finora la carica di direttore centrale UPA, mentre fa parte anche dei Consigli di Amministrazione di Auditel, Audiradio, Audiweb, Audipress e Audimovie. È presidente di Audiposter.

PUBBLICITA’ STUDI RECENTI SULLE TENDENZE
INTERNET ERODE FETTE CONSISTENTI ALLA TV

Le ricerche confermano come la Tv perda posizioni su tutti i fronti. In Italia, come i altri paesi, Internet sta iniziando a drenare fatturato ad altri mezzi, secondo quanto afferma Layla Pavone presidente dell’Interactive Advertising Bureau. Secondo una ricerca dell’IBM Global Business, sulla base di un campione di 2400 consumatori ed 80 imprese di rilievo che investono in pubblicità, si parla di una scomparsa del tradizionale spot di 30 secondi nell’arco di appena 5 anni. Gli inserzionisti spostano l’attenzione sui nuovi formati digitali. Per il 40% degli intervistati, inoltre, la pubblicità televisiva è decisamente la più fastidiosa, e chi continua a seguire la Tv predilige l’uso dei nuovi DVR.

TV E CANONE DI ABBONAMENTO RAI
UN QUESITO PER L’AGENZIA DELLE ENTRATE

La Rai ha rimesso all’Agenzia delle Entrate la questione riguardante l’obbligo per chi possiede un computer di pagare il canone di abbonamento. La stessa Rai, infatti, aveva dichiarato che il canone va pagato non solo per il computer, ma anche per apparecchi come iPod, videocitofono e cellulari di nuova generazione. Inoltre, per chi non possiede un televisore, è necessario inviare una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in cui il contribuente deve giurare di non avere neanche personale computer, decoder digitali e altri apparecchi multimediali. Si attende ora la decisione dell’Agenzia delle Entrate. Il CNT si appresta ad una dura battaglia contro questa folle richiesta della Rai impegnando finora le forze politiche contro questo ulteriore tentativo di grassazione nei confronti degli utenti.

C.N.T. – Coordinamento Nazionale Televisioni – SEDE LEGALE: P.zza Municipio, 80 – 80133 Napoli SEDE OPERATIVA: Via Bari, 19 – 72013 Ceglie Messapica TEL. 337941697 TEL e FAX. 0804839707
SITO INTERNET: www.coordinamentonazionaletelevisioni.it
EMAIL: info@coordinamentonazionaletelevisioni.it
Direttore Costantino Federico
Reg.Tribunale di Napoli N. 4/07 del 17/01/2007
SEDE: P.zza Municipio, 80 – 80133 NAPOLI
TEL.337941697 – FAX:0818383118 – 0831377510

printfriendly pdf button - CNT Informa n. 41 - Pubblichiamo un estratto del nuovo numero del bollettino del Coordinamento Nazionale Televisioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - CNT Informa n. 41 - Pubblichiamo un estratto del nuovo numero del bollettino del Coordinamento Nazionale Televisioni

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO