CNT Informa n. 8 – Pubblichiamo il nuovo numero del bollettino del Coordinamento Nazionale Televisioni

DTT: Adiconsum, sportello per segnalazioni anomalie – CNT: le frequenze ridondanti e disponibili alle emittenti locali e indipendenti – MINCOM: informazioni contributi statali per i decoder – TV DI STRADA: nuovo problema per Ministero ed emittenti


DTT SARDEGNA SWITCH-OFF COMPIUTO IN 123 COMUNI
Dal primo marzo scorso, a Cagliari e provincia, (123 comuni ) Rai2, Rete4 e QOOB di Telecom Italia Media sono visibili esclusivamente con un decoder digitale. Ora i cagliaritani, unici in Italia, sperimentano la tv digitale. “Comincia a Cagliari la transizione del nostro sistema televisivo dall’analogico al digitale. Finalmente un passo concreto. Finalmente una data rispettata, grazie all’impegno delle autorità regionali e amministrative sarde, delle emittenti nazionali e locali, del Governo”. Così il Ministro delle Comunicazioni, Paolo Gentiloni, ha commentato l’avvio delle trasmissioni TV in tecnologia digitale nell’area del capoluogo sardo. Nei prossimi giorni si valuterà l’esito di questo esperimento pilota per verificare l’impatto sul pubblico dei telespettatori e per mettere a punto i nuovi passi da compiere in altre aree all digital come Valle d’ Aosta e Trentino Alto-Adige. Prenderà così corpo, in attesa del varo della nuova normativa da parte del Parlamento, la strategia italiana di “switch over”. “Una strategia – ha concluso il Ministro Gentiloni – che già nelle prossime settimane potrà contare sull’offerta di nuovi programmi per il digitale terrestre e di piani di redistribuzione delle frequenze definiti zona per zona e approvati dall’Autorità delle Comunicazioni”. Il CNT ha sempre criticato la metodologia di transizione al digitale che, come ora si vede chiaramente, penalizza le tv locali e quelle indipendenti. In effetti canali e programmi in ulteriore aumento per i monopolisti Rai/ Mediaset e sofferenze per le locali.

DTT ADICONSUMSWITCH-OFF, SPORTELLO PER SEGNALAZIONI ANOMALIE
Interessante iniziativa dell’Adiconsum in occasione dello switch-off in Sardegna con l’istituzione di uno sportello SOS Consumatori dove segnalare eventuali problemi relativi alla ricezione, copertura, decoder, impiantistica e tutto ciò che non funziona. Tutti potranno leggere i messaggi lasciati: http://www.adiconsum.it/index.php?pagina=scheda&idscheda=84

IL CNT:LE FREQUENZE RIDONDANTI E QUELLE DISPONIBILI SUBITO ALLE EMITTENTI LOCALI E INDIPENDENTI
Il CNT ha suggerito alle emittenti che non dispongono di canali per il passaggio al digitale terrestre di accedere ai competenti Ispettorati per verificare i canali nella disponibilità dell’Amministrazione e previa richiesta di assegnazione, procedere alla sperimentazione ed al successivo definitivo utilizzo. Sul passaggio al digitale continua ad essere fortemente critico ed avanzare riserve a causa dell’aumentato soffocante monopolio di Mediaset e Rai a danno delle altre emittenti. Il CNT con le proprie associate non esclude clamorose iniziative di protesta.

MINCOM DECODER INFORMAZIONI PER I CONTRIBUTI STATALI
Il Ministero delle Comunicazioni ha attivato sin dallo scorso 5 febbraio un call center (800.022.000) e un sito internet (http://decoder.comunicazioni.it) pronti a fornire agli utenti tutte le informazioni utili all’installazione del nuovo sistema e all’accesso ai contributi statali per l’acquisto del decoder (70 euro, ma bisogna dimostrare di aver pagato il canone Rai).

EDITORIA PROVVIDENZE SCADE IL 31/3 TERMINE PER DOMANDA CONTRIBUTI ‘06
Come noto, il 31/03/2007 scade il termine perentorio per la presentazione al Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri della domanda per l’accesso alle provvidenze relative all’anno 2006, erogate alle imprese in possesso dei requisiti previsti dalla Legge n. 250/1990 e successive modificazioni ed integrazioni. Il CNT resta a disposizione delle emittenti associate per chiarimenti e assistenza nella redazione delle domande.

RADIOTV BANDO DELLA REGIONE LAZIO UN MILIONE DI EURO PER NUOVI PROGETTI
Un milione di euro per progetti del settore radiocinetelevisivo. A metterli a disposizione è un bando della Regione Lazio che, con l’assistenza tecnica di Filas attraverso il progetto Nextmedia, fornirà sostegno in diverse forme agli operatori del settore, ai giovani disoccupati e ai lavoratori a rischio occupazionale e sviluppo alla creazione d’impresa e al consolidamento delle piccole e medie imprese. Si tratta di un progetto interregionale che ha come capofila la Regione Lazio, e coinvolge le Regioni Piemonte, Toscana, Umbria, Campania e la Provincia Autonoma di Bolzano.

TV TAR E PLURALISMO INFORMATIVOCONFERMATA DELIBERA AGCOM CONTRO LA RAI
Dal Tar Lazio la conferma della delibera con la quale l’Agcom ha ritenuto la Rai colpevole di aver violato le norme sul pluralismo informativo del digitale terrestre in tema di pubblicità, nonché di quella con la quale la stessa Agcom approvò i programmi di conversione in digitale delle reti televisive terrestri analogiche, fissando in nove mesi la loro realizzazione.

LE TV DI STRADA NUOVO PROBLEMA PER IL MINISTERO, GLI ISPETTORATI TERRITORIALI E LE EMITTENTI LOCALI
Nuovi problemi e difficoltà per le emittenti locali e per quelle indipendenti a seguito del diffondersi del fenomeno delle cosiddette tv di strada o di quartiere. Si tratta di quelle tv spontanee, amatoriali e ultralocali che trasmettono in piccole aree utilizzando i coni d’ombra di frequenze utilizzate da altri operatori dalle postazioni principali. In realtà in molti casi questi “coni d’ombra” rappresentano un paravento ma in realtà è una vera e propria occupazione di canali già in esercizio. Il guaio è che vittime sempre più frequenti di queste emittenti che, ricordiamo, operano senza concessione o altro titolo abilitativo, sono le tv indipendenti e quelle locali che hanno ovviamente più difficoltà a difendere i canali per motivi tecnici, legali e finanziari rispetto ai grandi network. Il settore va regolamentato, le tv di strada potranno avere un loro spazio ma certamente non a danno delle emittenti locali e un deciso intervento normativo è necessario anche per tutelare gli Ispettorati delle Telecomunicazioni che in molti casi si trovano in gravi difficoltà operative.

AGCOM CASO MEOCCI E RAI ARCHIVIATI I PROCEDIMENTI
Il Consiglio dell’Agcom ha deciso all’unanimità di archiviare i procedimenti avviati nei confronti della Rai e di Alfredo Meocci per la violazione della legge n. 481 del 1995 in relazione ad alcuni profili dell’accordo transattivo sottoscritto tra la Rai e lo stesso Meocci nel giugno 2006. La decisione è stata adottata in considerazione del fatto che il CDA della Rai, con delibere del 10 e 24 gennaio 2007, ha disposto l’azzeramento totale e retroattivo di ogni effetto derivante dall’accordo transattivo a decorrere dalla sua sottoscrizione, avvenuta il 19 giugno 2006. Archiviati anche i procedimenti contro Retecapri e Telespazio per presunte trasmissioni a contenuto vietato ai minori.

C.N.T. – Coordinamento Nazionale Televisioni – SEDE LEGALE: P.zza Municipio, 80 – 80133 Napoli SEDE OPERATIVA: Via Bari, 19 – 72013 Ceglie Messapica TEL. 337941697 TEL e FAX. 0804839707
SITO INTERNET: www.coordinamentonazionaletelevisioni.it
EMAIL: info@coordinamentonazionaletelevisioni.it
Direttore Costantino Federico
Reg.Tribunale di Napoli N. 4/07 del 17/01/2007
SEDE: P.zza Municipio, 80 – 80133 NAPOLI
TEL.337941697 – FAX:0818383118 – 0831377510

printfriendly pdf button - CNT Informa n. 8 - Pubblichiamo il nuovo numero del bollettino del Coordinamento Nazionale Televisioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - CNT Informa n. 8 - Pubblichiamo il nuovo numero del bollettino del Coordinamento Nazionale Televisioni

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO