Contributi per l’editoria: approvato dal Consiglio dei ministri il regolamento

Approvato dal Consiglio dei Ministri del 18 novembre 2010 il regolamento per il riordino dei contributi all’editoria. L’obiettivo è premiare i giornali che arrivano effettivamente nelle edicole, eliminando dal calcolo le copie vendute in blocco e quelle vendute attraverso lo strillonaggio.

Il provvedimento contiene anche misure di tutela dell’occupazione nel settore giornalistico. Il regolamento prevede infine la possibilità per le imprese di inviare le domande di contributo in via telematica, accelerando i tempi, e consentendo misure di controllo più stringenti rispetto al passato. Le innovazioni più significate riguardano la modifica dei criteri di calcolo del contributo alla stampa, sostituendo la tiratura con le copie effettivamente distribuite per la vendita; l’introduzione di una serie di misure a favore dell’occupazione nel settore giornalistico e nelle agenzie di stampa; l’introduzione del criterio del riparto proporzionale dei fondi. Il regolamento ha ottenuto il parere favorevole delle Commissioni parlamentari competenti e del Consiglio di Stato. Le domande per la concessione dei contributi le rappresentante, sono presentate per via telematica e con firma digitale dal 1 ° al 31 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento dei contributi, secondo le modalità pubblicate sul sito internet della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
printfriendly pdf button - Contributi per l’editoria: approvato dal Consiglio dei ministri il regolamento
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Contributi per l’editoria: approvato dal Consiglio dei ministri il regolamento

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL