Dichiarazione di Corrado Calabrò, Presidente dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, in occasione della giornata mondiale dei diritti dell’infanzia

“Si celebra oggi il diciottesimo anniversario della dichiarazione ONU a tutela dell’infanzia.


La “Convenzione sui diritti del fanciullo” approvata dall’ONU nel 1989, da noi divenuta legge dello Stato nel 1991, impone a tutti di collaborare alla creazione delle condizioni utili a garantire ai minori una vita autonoma nella società – con spirito di pace, uguaglianza e solidarietà – e fa divieto di sottoporli a forme di violenza e a interferenze arbitrarie o illegali nella loro privacy.

Un sano, equilibrato e completo sviluppo mentale, fisico e morale, è un diritto del minore riconosciuto a livello internazionale e dall’ordinamento nazionale. L’articolo 31 della Costituzione italiana impegna, infatti, la nostra comunità, in tutte le sue articolazioni, a proteggere l’infanzia e la gioventù.

La tutela dei diritti del minori e della dignità della persona costituisce l’aspetto più delicato dell’azione di vigilanza che l’Autorità esercita sulla programmazione televisiva.

Abbiamo a disposizione un apparato normativo con obblighi cogenti, sanzioni e divieti e c’è l’autoregolamentazione che indica gli elementi di indirizzo da seguire nella programmazione dei palinsesti per tutelare i minori.

Ma c’è un dato di fatto: la qualità della televisione è andata sempre più scadendo ed è all’audience, e all’audience soltanto, che guardano i pubblicitari. Forte è la preoccupazione che possa esservi un qualche nesso causale fra comportamenti antisociali e cattiva televisione.

L’Autorità, grazie anche al Consiglio nazionale degli utenti e al Comitato TV e minori che svolgono con passione ed efficacia il loro compito di segnalazione, ha incrementato il numero dei procedimenti avviati ed ha irrogato sanzioni di maggior entità. Sono state sanzionate la TV volgare e, in particolare, le trasmissioni lesive dei diritti dei minori, contenenti violenza, turpiloquio, rissosità, erotismo spinto, soprattutto nella fascia della televisione per tutti. Sono stati emanati atti di indirizzo per spingere le trasmissioni televisive a rispettare canoni di maggior correttezza.

Per cambiare la televisione c’è bisogno, però, della collaborazione di tutti, in primis del servizio pubblico televisivo che deve recuperare la funzione di crescita culturale e sociale e di formazione del gusto.

Serve l’impegno delle istituzioni, della politica e della società civile. I giovani sono il futuro del Paese e ad essi dobbiamo riservare una sana crescita anche attraverso la TV e l’uso consapevole delle nuove tecnologie dell’informazione”.

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Dichiarazione di Corrado Calabrò, Presidente dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, in occasione della giornata mondiale dei diritti dell’infanzia

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL