Digital Radio Conference EBU: senza una data precisa di switch-off non si cambia

"Diciamolo francamente: le ultime edizioni della Digital Radio Conference organizzata dall’EBU hanno avuto un serio problema di contenuto e finalità".

Esordisce così il post di Andrea Lawendel su Radio Passioni dedicato alla DRC dell’EBU. "Quello del passaggio dalla radiofonia analogica alla radiofonia numerica, cioè basata su modulazione di tipo digitale (l’OFDM tanto per essere tecnici), è chiaramente un tema importante ma fin troppo dibattuto", spiega il giornalista-blogger che segue il fenomeno fin dalla metà degli anni Novanta e con RP dal 2005. "La ridondanza dei temi e delle discussioni in questo lungo anno di tempo – continua Lawendel – ha raggiunto i livelli di guardia: sarebbe impossibile trovare parole nuove per magnificare le virtù della radio digitale o viceversa per criticarne la scarsa concretezza e la virtuale assenza nel "mindset" dei consumatori. L’ultima edizione della conferenze, a fine ottobre a Belfast, sembra aver definito un punto fermo e in ciò leggo l’unico elemento di novità (l’impegno sul fronte della collaborazione con l’industria dell’automotive è un altro slogano ripetuto da sempre, e forse l’automotive ha finalmente capito). Il punto fermo riguarda l’impegno a spingere a livello comunitario, sul governo dell’Europa, perché vengano adottate politiche di switch-off della radio analogica. La radio, secondo gli operatori convenuti a Belfast, non passerà al digitale se non si stabilisce una data in cui l’FM analogica verrà spenta per sempre. E’ un proposito forse condivisibile dal punto di vista dei fautori del digitale, ma apre a mio favore l’ennesimo scenario ipotetico, un altro "se, allora" di tipo non più tecnologico o di mercato, ma politico. Un campo dove può veramente succedere di tutto. Anzi, sono certo che non sarà difficile convincere gli europarlamentari sull’opportunità dello switch-off. Succederà per la radio quello che è già avvenuto per la tv (un mercato molto più ricco e molto meno variegato)? Io credo di sì. Ma temo che per l’intero mercato della radio l’inevitabile crisi di passaggio possa essere un trauma troppo grande da metabolizzare".

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Digital Radio Conference EBU: senza una data precisa di switch-off non si cambia

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL