Digitale terrestre, switch-off Alto Adige: servite (pare) senza particolari traumi Merano e Venosta

Ieri è stato il terzo giorno di switch off in Alto Adige. Secondo la Provincia Autonoma di Bolzano, tutto ha avuto luogo "senza particolari problematiche: le emittenti sono passate al sistema digitale nell’area di Merano, Burgraviato e val Venosta".

Alle 16 la RAS, l’azienda radiotelevisiva provinciale, aveva riattivato in digitale tutti i suoi 12 impianti. Forniti anche i dati sui primi tre giorni della digitalizzazione. L’area del Meranese e della Venosta da ieri "beneficia del nuovo standard televisivo con nuovi canali e una qualità nettamente superiore rispetto al passato. RAS e RAI (malgrado qualche problema in val d’Ultimo) hanno spento gli impianti analogici e attivato quelli digitali. La RAS ha riattivato in digitale tutti i suoi 12 impianti di Venosta (che serve Naturno, Castelbello, Prato Stelvio, Riffiano, Merano e Burgraviato), Muta, Naturno, Certosa, Madonna di Senales, Maso Corto, San Martino di Laces, Martello, Lasa, San Leonardo in Passiria, Moso, Plan e Corvara in Passiria", spiega il bollettino del governo locale.  "In questa prima settimana di passaggio alla tecnica digitale la RAS ha digitalizzato 56 dei complessivi 113 impianti. Dopo queste tre giornate di switch off (che comprendevano le aree urbane di Bolzano e Merano) già il 75% degli altoatesini può ricevere i programmi con nuovo segnale digitale. La RAS in tre giorni ha risposto – via telefono o con mail – a 1.023 richieste di chiarimento: il 48,6% di utenti non in grado di risintonizzare i canali o che ci hanno provato troppo presto, il 23,6% con difficoltà a ricevere i canali RAI e il Sender Bozen, il 16,6% con problemi di ricezione complessiva (antenna, condominio, cattivo segnale); 6,9% dei cittadini aveva problemi legati al decoder, il 4,1% con lo spegnimento del segnale del Sender Bozen da parte della RAS. Infine circa 150 richieste sono state girate ai giovani delle professionali impegnati nell’iniziativa di assistenza tecnica alle persone", continua la nota della Provincia di Bolzano. Prossima tappa, con la quarta area che passa al digitale, sarà martedì 3 novembre e riguarderà l’Alto val d’Isarco. A seguire il 4 la valle Aurina, il 6 Brunico e val Pusteria, il 9 la val Gardena, infine l’11 novembre si completa lo switch off con Bressanone e val d’Isarco.  Per ogni chiarimento sul passaggio alla TV digitale, in particolare sulla risintonizzazione dei canali, sono disponibili il numero verde del Ministero 800.022.000 e il numero della RAS 0471 546666. Informazioni, indicazioni e spiegazioni anche sui siti web della Provincia www.provincia.bz.it/digitale-terrestre o della RAS http://www.ras.bz.it/
printfriendly pdf button - Digitale terrestre, switch-off Alto Adige: servite (pare) senza particolari traumi Merano e Venosta