Digitale terrestre, switch-off Campania. Il nuovo assetto delle reti locali

Come sono andate le locali campane nel primo giorno dello switch-off televisivo nell’area tecnica 13? Uno spaccato interessate viene offerto dall’agenzia giornalistica Videocomunicazioni News di Napoli, che publichiamo integralmente.

"Il giorno della rivoluzione digitale per la Tv è arrivato anche in Campania. Dalla mezzanotte di ieri le tv locali hanno dovuto spegnere i segnali analogici ed hanno iniziato a trasmettere in digitale, dopo la riassegnazione delle frequenze. Nelle tv delle case campane, i telespettatori, faticano a ricercare le emittenti a cui sono legati; la risintonizzazione dei decoder, infatti, ha spalmato sull’intera offerta le televisioni locali. Ma come cambia l’offerta delle “private” di casa nostra? Partiamo da Telecapri, l’emittente di Costantino Federico, titolare anche di una concessione nazionale con Retecapri, e che si affida ad una squadra rodata di giornalisti (Cristiana Barone, Teresa Iaccarino, Aniello Sammarco e Saverio Russo) oggi è sul digitale terrestre a partire dal numero 9; propone anche Telecapri, Telecapri News, Telecapri Sport, Capri Event (l’ultima novità) e Radio Capri Tv, la trasposizione televisiva della fortunata esperienza radiofonica ideata da Roberto Barone. In pole position sul decoder del digitale terrestre (tasto 10) anche il gruppo “Italiamia” di Giuseppe Giordano. In largo anticipo con lo switch off, Giordano ha mandato nell’etere un buquet particolarmente ampio, nel quale opera ad ampio spettro il giornalista Angelo Pompameo, proponendo: Italiamia Music, Italiamia Shopping, Italiamia Fashion, Italiamia Premium, Italiamia 2, Italiamia Live, Barche Channel, Italiamia + 1, Italiamia + 2, Italiamia Music Sat, Italiamia Sat, Italiamia news, Casertamia e Casertamia + 1. Approda sul digitale terrestre Canale 34 (dopo la conferma dell’assegnazione della storica frequenza anche in digitale), che si colloca al tasto 14. L’emittente di Giuglio Germanesi, che punta molto sul calcio con le trasmissione “Tifosi” e “Speciale Tifosi” condotte dal giornalista Gianluca Vigliotti, ha scomposto il proprio marchio ed è pronta a varare anche Telenapoli, che nelle prossime ore andrà a collocarsi nel panorama generale. Canale 8, che ha bruciato le tappe, propone anche Canale 8 Sat e 8 Shopping. La Tv di Lilly Albano, che di recente ha potenziato l’offerta sportiva con un programma condotto da Paolo Del Genio, punta ancora sul glamour. Interessante l’evoluzione di Napolitivù. L’emittente della famiglia Mazzarella, diretta dall’intraprendente Gianna, che da sempre ha puntato sulla redazione giornalistica e di recente ha varato una nuova formula di tg condotto dal giornalista Luigi Falco, propone anche Gente di Mare TV, Ntv News e Ntw + 1. Non annuncia rivoluzioni Canale 9, emittente di Carla Visone diretta da Enzo Coppola e che negli anni ha sempre puntato su produzioni di qualità. Le strategie di sviluppo messe in atto con il fitto di una parte della sede alla redazione giornalistica di Sky a Napoli e le corrispondenze per La7 affidate a Rossana Russo, ma anche i programmi sportivi con Carlo Alvino, si gioveranno della qualità digitale, per ora espressa alla massima potenza possibile. Canale 9, infatti, non ha ancora diviso il proprio mux, in attesa di comprendere le logiche di un mercato in evoluzione. Per ora propone Canale 9 + 1 e “Levante Tv”. In attesa degli eventi anche Televomero. L’emittente di Antonio Tajani, storica voce napoletana, sgomita con Canale 34 sul tasto 14. I servizi gionalistici affidati a Fabiola Conson e la strategia di sviluppo dell’emittente, affidata a Giovanni Tajani, confermano l’affidabilità di questa realtà imprenditoriale, orientata a proporsi sempre più come operatore di rete. Un po’ in ritardo Canale 21, la storica emittente diretta da Paolo Torino, che da circa un anno ha ha affidato la squadra giornalistica all’ex caporedattore centrale del Mattino, Gianni Ambrosino. Ad oggi, nella zone flegrea (quella che prende il segnale dai Camaldoli) Canale 21 non c’è. Ma Torino assicura di essere pronto ad editare almeno 3, 4 canali non rivelando forse l’obiettivo più ambizioso: creare “Canale 21 Story” e riproponendo programmi che hanno fatto la storia della televisione in Campania. Propone 4 canali Tele A, l’emittente di Alfredo Abbaneo i cui servizi giornalistici sono diretti dal giornalista Rosario Naddeo. In onda oltre a Tele A anche Tele A +, Tv Capital e Tele A Sat. Dq quest’anno occhio allo sport con due produzioni di punta: “Col cuore in gol” condotta da Tonino Carino con Salvatore Bagni e “Napoli Match” condotto da Naddeo. Torna a trasmettere nell’etere, dopo l’esperienza satellitare e confermando quella web, Julie News, l’emittente di Lucio Varriale che ripropone anche Telelibera. I servizi giornalistici affidati al figlio Livio, caratterizzati sempre da una forte conotazione d’inchiesta, insieme ai talk show, restano il must del gruppo. Scende dal satellite e si colloca sul digitale anche Metropolis Tv, del gruppo Metropolis, diretta da Giuseppe Del Gaudio i cui servizi giornalistici sono coordinati da Giovanni Taranto. Novità assoluta è la possibilità di vedere nell’intera Regione anche emittenti che in precedenza erano visibili solo nelle province di riferimento. Ecco, ad esempio, che sulle tv napoletane compare Telecolore, di Salerno, ma anche Teleprima di Caserta. In attesa, naturalmente, che nei prossimi giorni si assestino le trasmissioni e si superino i problemi evidenti di queste prima battute". (Videocomunicazioni News)
printfriendly pdf button - Digitale terrestre, switch-off Campania. Il nuovo assetto delle reti locali