Digitale terrestre, Umbria: interrogazione alla Giunta Regionale per prossimo rischio oscuramento

Nel primo semestre del 2012, quando gli utenti televisivi dell’Umbria dovranno passare al DTT, incontreranno difficolta’ di ricezione del tipo di quelle registratesi in Piemonte, dove 25mila famiglie non ricevono il segnale.

A lanciare l’allarme e’ il consigliere della Regione Umbria Ada Girolamini (Sdi) che, in un’interrogazione alla Giunta, chiede se il governo umbro, in collaborazione con il Corecom, ”intenda sostenere la transizione fino quella data, impegnandosi fin d’ora per soluzioni adeguate a garantire le aspettative e la pluralita’ di informazioni ai cittadini utenti, anche sostenendo le emittenti nell’oneroso adeguamento tecnologico degli impianti”. Girolamini giustifica la sua richiesta con la constatazione che ”le nuove tecnologie, il satellite, il digitale terrestre e internet, saranno imprescindibili per le importanti funzioni di moltiplicatori di informazioni, di interazioni e di mediazioni svolte, di crescita culturale, di competitivita’ economica e di cittadinanza attiva”. Girolamini ricorda anche che nel previsto piano di digitalizzazione terrestre del Paese, iniziato nel 2009 con Valle d’Aosta, Piemonte occidentale, Trentino, Lazio e Campania, l’Umbria e’ collocata al penultimo posto, quasi a ridosso del termine ultimo – secondo semestre del 2012 – per completare il definitivo passaggio dall’analogico al digitale terrestre che a fine 2010 avra’ coinvolto gia’ l’84% delle abitazioni italiane. (fonte ASCA)
printfriendly pdf button - Digitale terrestre, Umbria: interrogazione alla Giunta Regionale per prossimo rischio oscuramento
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Digitale terrestre, Umbria: interrogazione alla Giunta Regionale per prossimo rischio oscuramento

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL