Dipendenze tecnologiche: arriva la patologia da connessione al web

I tempi cambiano (bella scoperta!) e quindi cambiano anche gli usi e i costumi delle persone. E le loro dipendenze. Una volta c’era la dipendenza dal fumo, dall’alcool, dalle droghe, dallo shopping; ora c’è la dipendenza da computer.

Certo, lo sapevamo già, ma tutto sommato non ci faceva una grande impressione. Invece è una catastrofe se è vero come è vero che – secondo una ricerca condotta da AOL e Salary.com – l’americano medio invece di lavorare trascorre due ore e 10 minuti digitando siti al computer. Va da sé che tutto ciò ha un costo per l’economia statunitense; di questi tempi, poi. C’è chi ha calcolato che la perdita si aggirerebbe sugli 800 miliardi di dollari l’anno. Sapevamo già di Università americane e di aziende che hanno inserito dei blocchi per il social networking, proprio perché minacciava il rendimento dei lavoratori e degli studenti. Ora scopriamo che si tratta di una vera malattia, una dipendenza che limita la creatività, oltre che ridurre la produttività. Ed ecco che nascono i blocchi anti social networking: Freedom, Anti –Social e tanti altri. Ma ciò che più ha stupito i ricercatori è stato l’aver riscontrato che molti navigatori in web letteralmente, leggendo le mail, vanno … in apnea. Verrebbe da ridere pensando che si tratta di … navigatori, quindi abituati ad andare anche sott’acqua; ma la questione è seria. Bisogna fare i conti con un mutamento di stile di vita. Quanti di noi la mattina, oltre a mettere sul fuoco la macchinetta del caffè, non accendono anche il PC? Quanti di noi la prima cosa che fanno, entrando in casa dall’ufficio ( dove per altro eravamo seduti davanti al PC) non accende il proprio portatile? Certo c’è chi ancora non usa il computer per partito preso (come non usa l’ascensore o guarda la TV), ma non possiamo bloccare il tempo fermando le lancette dell’orologio! Resta che bisogna abituarsi a vedere la macchina come un mezzo e non come un fine; uno strumento per migliorare le nostre capacità e non per assopire la nostra fantasia e creatività. (A.V. per NL)
 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Dipendenze tecnologiche: arriva la patologia da connessione al web

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL