Diritto processuale penale – Riforma

di Stefano Corbetta, Giudice Penale presso il Tribunale di Milano – da Quotidiano Giuridico N 31/07/anno 2006


Alla luce dei lavori preparatori e in virtù di una lettura costituzionalmente orientata delle disposizioni, anche transitorie, introdotte dalla l. 20 febbraio 2006, n. 46, deve ritenersi che siano rimasti immutati i poteri d’appello riconosciuti alla parte civile avverso le sentenze di proscioglimento di primo grado, salvo che per l’abrogazione dell’art. 577 c.p.p. relativa ad ogni mezzo di impugnazione. (Cassazione penale Sentenza, Sez. III, 04/07/2006, n. 22924 – F.S. e altro) (NL)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Diritto processuale penale - Riforma

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL