DTT, bando FSMA: pubblicate altre FAQ dal Mise

Il Ministero dello Sviluppo Economico continua la pubblicazione delle FAQ a riguardo del bando per i fornitori di servizi di media audiovisivi.

Nel merito, il dicastero ha precisato a riguardo dell’art. 2, comma 1, del bando, in attuazione dell’art. 6, comma 9‐quinquies, del decreto legge n. 145/2013 e successive modifiche, che tale procedura è finalizzata alla formazione delle graduatorie regionali dei FSMA che saranno utilizzate per l’individuazione dei soggetti che hanno diritto di essere trasportati sulle frequenze coordinate di cui alla delibera Agcom n. 402/15/CONS. Per la futura attribuzione della numerazione LCN, come indicato all’art. 2, comma 2, del bando, le graduatorie non potranno che essere aggiornate o riviste in base ad una nuova procedura aperta a tutti (anche ai nuovi fornitori). Circa l’art. 2, comma 3, del bando, è stato precisato che esso "riserva una frazione della capacità trasmissiva, al massimo pari al 25% del totale, prioritariamente ai fornitori che diffondono su bacini inferiori a quello regionale". Quanto alla banda, il Mise ha ribadito che "In ogni regione il numero dei soggetti utilmente collocati in graduatoria verrà determinato in considerazione della capacità trasmissiva disponibile", mentre "un FSMA utilmente collocato in graduatoria potrà acquisire capacità trasmissiva idonea al trasporto dei propri programmi attraverso gli operatori di rete assegnatari delle frequenze coordinate secondo le modalità previste dall’art. 2, comma 4, del bando". Sulla consistenza organica, l’Ente ha puntualizzato che "è possibile ripartire i dipendenti che svolgono attività per più marchi/palinsesti del medesimo FSMA in quota parte, come previsto dall’art. 4, lettera f), del bando". In relazione agli ascolti, è stato sottolineato che "Nel caso in cui l’Auditel non avesse reso pubblici per un periodo i dati sugli ascolti televisivi tale circostanza non inciderà in quanto il dato acquisito dal Ministero sarà uniforme ed omogeneo per tutti i soggetti partecipanti rilevati da Auditel". In tema di gradutoria, un’apposita FAQ espone che "In caso di parità di punteggio in graduatoria tra due o più soggetti il criterio per determinare la rispettiva posizione sarà determinato tenendo conto del punteggio maggiore attribuito alle componenti di cui all’art. 7, lettera a), del bando secondo l’ordine dei pesi attribuiti alle stesse componenti". Inoltre, "Nel caso in cui il numero dei giornalisti vari nel corso dell’anno e pertanto non risulta coerente con i costi sostenuti al 31 dicembre dell’anno stesso tale circostanza non dovrà essere evidenziata in quanto il dato relativo ai costi verrà considerato per il suo ammontare complessivo a prescindere dal numero dei giornalisti e sarà oggetto di verifica all’INPGI, ai sensi dell’art. 4, lettera h), del bando". Sempre in tema di personale, "I dipendenti di cui all’art. 4, comma 4, lettera e) sono quelli che svolgono solo ed esclusivamente l’attività di FSMA". mentre "I dipendenti di cui all’art. 4, comma 4, lettera g) sono quelli che svolgono sia l’attività di FSMA sia l’attività di operatore di rete". (E.G. per NL)
printfriendly pdf button - DTT, bando FSMA: pubblicate altre FAQ dal Mise