DTT. CRTL: Governo chiude gara canali tv assegnati a operatori tlc per 3,9 mld e si prepara a regalarne altri a Mediaset e TV nazionali. Chiederemo allo Stato oltre 5 mld di danni

"Cosa altro ci resta da fare? La nostra dignità d’impresa è stata calpestata. Altro che “grande successo di incassi in tempi di crisi”, come pavoneggiano al Ministero dello Sviluppo Economico!".

Lo sfogo è del Comitato Radio Tv Locali, che. il giorno dopo il proclama del ministro allo Sviluppo Economico Paolo Romani sull’esito (superiore alle aspettative) dell’asta per il dividendo esterno (canali UHF 61 69 ed altre frequenze disponibili per il potenziamento dell’internet mobile), interviene sulla controversa decisione governativa di regalare 6 mux nazionali ai principali operatori nazionali (Mediaset, RAI, Telecom Italia) ed internazionali (Sky) attraverso la gara non competitiva (beauty contest) per l’attribuzione del dividendo interno. "Facile incassare espropriando le aziende tv locali del loro bene primario, le frequenze.  Facile è stato pure scrivere una legge che ci impedisce di ricorrere al TAR per ottenere sospensive", insiste il CRTL. "Ed i Garanti della Costituzione? Tempi troppo lunghi che mal si conciliano con il “mordi e fuggi” in atto. Ma i conti per lo Stato sull’operazione “Esproprio Frequenze”, non tornano. Proviamo a ricapitolarli: 1) incasso per le frequenze della gara tra le telecom = +4,0 miliardi; 2) perdita stimata per le frequenze regalate alle TV nazionali = – 3,0 miliardi; 3) perdita stimata per il risarcimento che richiederanno le Tv locali = -5,0 miliardi; 4) perdita prevista per lo Stato su espropri e assegnazioni delle frequenze televisive: – 4 miliardi." Chi quindi trarrà vantaggio da questa scellerata politica? – continua la nota dell’ente esponenziale –  Sicuramente le telecom, Mediaset e relativi azionisti". E proprio gli operatori di tlc, secondo il CRTL sarebbero "i migliori clienti pubblicitari di Mediaset", in grado di determinare "un fatturato complessivo attuale di circa 340 milioni di euro all’anno". "E cosa c’è di strano? – conclude la rappresentanza delle tv locali – Un altro “bottino” spartito tra amici. Ma qui la perdita più triste per l’Italia sarà sul pluralismo informativo, sempre più concentrato nelle mani dei soliti noti". (A.M. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - DTT. CRTL: Governo chiude gara canali tv assegnati a operatori tlc per 3,9 mld e si prepara a regalarne altri a Mediaset e TV nazionali. Chiederemo allo Stato oltre 5 mld di danni

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL