DTT, interferenze estere. Firmato Decreto per liberazione canali. Proroga non necessaria perché termine non perentorio

Da fonti ministeriali risulta che, risolti i problemi di coordinamento che avevano arenato il provvedimento, sarebbe stato sottoscritto anche dal Ministero dell’Economia e delle Finanze il decreto ministeriale concertato col Ministero dello Sviluppo Economico recante la procedura per la liberazione dei canali incompatibili con emissioni internazionali.

La pubblicazione, come anticipato da Newslinet.it dieci giorni fa, avverrà a ridosso del 30/04, cioè del termine ex lege entro il quale i canali avrebbero dovuto essere dismessi. Scadenza che però, secondo il Mise, non sarebbe perentoria, sicché non necessiterebbe di proroga formale. La questione, invero, desta perplessità non di poco conto sui differenti piani giuridico – sul profilo dell’ordinatorietà della scadenza – e  politico – in relazione agli impegni assunti dal governo verso gli stati esteri, che, preso atto dell’ennesima propensione di gestire "all’italiana" la produzione interferenziale frutto di una cattiva pianificazione ascrivibile ad Agcom (che ha inserito canali incompatibili) e al Mise (che ha assegnato tali canali senza la preventiva verifica di spettanza), potrebbero promuovere avanti all’UE una nuova procedura d’infrazione contro il nostro paese. Ricordiamo che la decisione del governo di intervenire sui casi conclamati di interferenze con i paesi confinanti (Croazia, Slovenia, Francia, Malta), con l’esclusione dalla pianificazione e la conseguente liberazione delle frequenze in modo definitivo si concreta in una procedura per l’attribuzione delle misure economiche compensative (quasi 51 mln di euro) per la liberazione delle frequenze DTT incompatibili con le emissioni estere. Il provvedimento ora al vaglio della Corte dei Conti per il via libera alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, dovrebbe prevedere trenta giorni per presentare le domande telematiche per partecipare alla ripartizione degli indennizzi a favore di coloro che libereranno le 76 frequenze incompatibili con le trasmissioni internazionali senza richiedere una riassegnazione. Antenne%20FM%20e%20UHF%20Piancavallo%20PN - DTT, interferenze estere. Firmato Decreto per liberazione canali. Proroga non necessaria perché termine non perentorioNel merito, sul piano dei destinatari, la complicata formulazione vedrebbe confermato l’ordine che vuole al primo posto, ovviamente, i titolari di diritti d’uso (in sequenza: regionali, poi pluriprovinciali, provinciali o limititati all’area di servizio dei singoli impianti, costituiti però sotto forma di intesa regionale) dei canali incompatibili, seguiti dalle società consortili e, da ultimo, coloro che, indipendentemente dal canale utilizzato, vogliono approfittare di una delle (si suppone) ultime occasioni per dismettere l’attività a fronte di un corrispettivo governativo (che dovrebbe pervenire entro il 31 luglio 2015, ovviamente ad avvenuta e certificata dismissione dei canali). Il provvedimento dovrebbe prevedere che, nell’ipotesi in cui non sia raggiunto il numero delle frequenze da liberare, si compili una graduatoria in base all’offerta di tutti i soggetti richiedenti, sulla base della quale verrà accolta l’offerta più bassa (in caso di parità di offerta si procede a sorteggio). Il DM introdurrebbe poi la possibilità di ampliare la rottamazione stessa oltre lo stretto necessario (stretto si fa per dire, ovviamente…), prevedendo la liberazione di risorse incompatibili a libello provinciale su scala regionale; soluzione che certamente attirerà non poche contestazioni, posto che potrebbe alterare le quote di distribuzione delle risorse, già valutate tra 1/2 e 1/3 del valore di mercato (a secondo delle aree). I soggetti titolari di diritti d’uso per frequenze incompatibili che non parteciperanno alla procedura per l’attribuzione delle misure compensative (in sostanza gli operatori di rete che intendono proseguire l’attività) dovranno esprimere manifestazione d’interesse, in ordine di priorità, per l’assegnazione di frequenze pianificate dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. (M.L. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - DTT, interferenze estere. Firmato Decreto per liberazione canali. Proroga non necessaria perché termine non perentorio

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL