DTT: Retecapri apre il fronte di guerra per il digitale tv

Al Tavolo tecnico per il digitale in Trentino-Alto Adige, TBS proprietaria del marchio Retecapri non firma il verbale


Al Tavolo tecnico per il digitale in Trentino-Alto Adige, TBS proprietaria del marchio Retecapri con la rete analogica nazionale operante dal 1981 e la Premiata Ditta Borghini & Stocchetti di Torino operatore di rete con la sperimentazione in tecnica digitale sui due Mux in attività non hanno firmato il verbale che AGCOM e Ministero avrebbero voluto approvare all’unanimità. Retecapri non firma e contesta tutti i procedimenti in corso fino a quando non verranno accolte le sue richieste e cioè il riconoscimento pieno e la immediata assegnazione delle frequenze per il secondo Mux, l’immediato rilascio delle autorizzazioni alla attivazione degli impianti digitali in Sardegna già assegnati e la soluzione del problema della numerazione automatica sui decoder (LCN). Fino a quando non verranno soddisfatte queste tre legittime richieste Retecapri continuerà in tutte le sedi la sua battaglia.

printfriendly pdf button - DTT: Retecapri apre il fronte di guerra per il digitale tv
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - DTT: Retecapri apre il fronte di guerra per il digitale tv

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL