Editoria. Indagine Nielsen: il 30% degli utenti internet considera positivamente il pagamento per l’accesso a contenuti premium

Uno su tre è la quota di utenti internet che sarebbe disposta a prendere in considerazione forme di pagamento per accedere a contenuti premium. A sancirlo è la più recente Global Survey Nielsen condotta in ben 52 differenti paesi.

Il tema è sempre quello: quanti sarebbero disposti a pagare per accedere a delle news di qualità? Il futuro dell’editoria pare destinato a giocarsi sulla sottile definizione del valore economico di essere aggiornati e su visioni dello sviluppo della rete radicalmente diversi. La maggior parte degli utenti internet si dichiara ad oggi contraria a qualsiasi forma di pagamento. Internet è gratis e, secondo questi ultimi, dovrebbe rimanere tale: che gli editori, quindi, dimentichino qualsiasi piano legato ai contenuti premium. Questa è la posizione prevalente tra chi naviga sul web. All’estremo opposto c’è un 8% di persone che già paga per tenersi aggiornato, convinto che nell’era moderna sia questa la chiave del successo. In mezzo, un 35% di lettori in transizione, potenzialmente sensibili a offerte targettizzate. Persone che “pagherebbero se” i contenuti fossero davvero di qualità: se non ci fosse pubblicità all’interno delle aree riservate; se il pagamento avvenisse in base a quel che si consuma, o comunque attraverso forme di micropagamenti; se i contenuti premium fossero riproducibili. È su questo terreno che si giocherà la partita a scacchi dell’editoria mondiale. Chi riuscirà per primo a trovare la formula giusta, rimarrà in campo. Per gli altri, probabilmente, suoneranno altisonanti allarmi rossi. L’indagine Nielsen è comunque un segnale di speranza: uno su tre, infatti, non è poca cosa. Anzi, è un mercato potenzialmente vastissimo. Conviene quindi rimboccarsi le maniche, e cominciare a sperimentare formule in cui contenuti gratuiti e premium si affiancano, per attrarre sui propri siti le tre diverse tipologie di utenti descritte da Nielsen. Perché di questi tempi, non ci si può proprio permettere di lasciare indietro nessuno. (Davide Agazzi per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Editoria. Indagine Nielsen: il 30% degli utenti internet considera positivamente il pagamento per l’accesso a contenuti premium

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL