Editoria: Malinconico sui tagli ai contributi. Incentivato il passaggio al web. Dato occupazionale e penetrazione dei giornali i criteri da privilegiare

Regole idonee e nuovi criteri da individuare per avviare una riforma sostanziale dell’editoria. Questo l’obiettivo del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’Editoria, Carlo Malinconico, il quale ha precisato su Il Fatto Quotidiano che “E’ finito il tempo dei soldi a pioggia per tutti”.

Dopo il 2012, che Malinconico ha definito “un anno di transizione”, il governo cercherà “di incentivare il passaggio in rete”.“Nel 2014 i fondi saranno garantiti – ha spiegato il sottosegretario – ma cambierà il criterio di assegnazione”. “Il pluralismo significa tenere viva una voce, a noi il compito di trovare la forma giusta. Verrà individuato “un limite minimo di copie vendute e distribuite e chi non lo raggiunge deve trasferirsi su Internet per abbattere i costi senza sacrificare giornalisti e lettori”. E sul passaggio alla Rete, Malinconico ha sottolineato che si tratterà di “un incentivo, non possiamo obbligare. Però di fronte al nulla, meglio sfruttare le potenzialità ancora inespresse di Internet”. Come dichiarato sul Manifesto, il sottosegretario punta sull’attuazione imminente di una riforma che “sappia ritrovare lo spirito iniziale della legge che difendeva il pluralismo senza le zone opache che si sono create in seguito”, e non esclude “che dopo una riforma sostanziale del sistema si possa anche ripristinare il diritto soggettivo”. In merito ai criteri per l’erogazione dei finanziamenti, Malinconico evidenzia la necessità di una loro revisione, al fine di adeguarli “allo spirito iniziale della distribuzione diretta”. Occorre, a suo giudizio, “concentrarsi di più sul dato occupazionale, vale a dire il numero dei giornalisti che una testata impiega”, abbandonando valutazioni “che facciano semplicemente riferimento a costi o a tiratura”. Inoltre, bisogna privilegiare “la penetrazione, cioè la reale capacità che un giornale ha di raggiungere i lettori”. Discorso diverso, secondo il sottosegretario, riguarda le agenzie di stampa, in quanto per esse “non ci sono contributi diretti ma convenzioni con lo Stato e se le amministrazioni ritengono di non acquistare un servizio con un’agenzia, il rapporto finisce immediatamente”. (D.A. per NL)
 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Editoria: Malinconico sui tagli ai contributi. Incentivato il passaggio al web. Dato occupazionale e penetrazione dei giornali i criteri da privilegiare

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL